Home / Internazionale (page 3)

Internazionale

L’imperialismo italiano in Libia e la guerra ai migranti

di Ivan Boine Nella giornata di ieri il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha fatto visita al nuovo Primo ministro libico Abdul-Hamid Mohamed Dbeibeh, guida del governo di unità nazionale di Tripoli (l’esecutivo riconosciuto dall’ONU, ma non da Francia e Russia). Nel corso dell’incontro il premier italiano – il primo capo di governo a incontrare Dbeibeh – ha confermato il sostegno al governo già presieduto da al-Sarraj. Il proseguimento dei buoni rapporti tra Roma e Tripoli è fondamentale per tutelare gli interessi dell’imperialismo italiano. Non è un caso che l’Italia sia stato il primo paese a incontrare Dbeibeh, il 21 …

Read More »

Lo schiaffo del governo italiano alla solidarietà di Cuba

L’Italia sostiene le sanzioni economiche contro la Repubblica di Cuba, questo è il significato del voto italiano in sede ONU. Il rappresentante italiano ha, infatti, votato contro una risoluzione del Consiglio delle Nazioni Unite per i Diritti Umani che condanna le sanzioni unilaterali nel campo dei diritti umani e che esorta i paesi avvezzi a questa pratica a ritirare tali misure in quanto esse violano i diritti umani e il diritto internazionale. Nel mirino, quindi, c’è anche il “bloqueo” che gli USA e i loro alleati impongono a Cuba. Un voto che rappresenta un vero e proprio schiaffo alla solidarietà …

Read More »

Mobilitazioni in Turchia contro le politiche reazionarie di Erdoğan

manif-donne-tkp-2

Nella notte tra venerdì e sabato, con un decreto presidenziale firmato dal presidente Erdogan, la Turchia ha annunciato il ritiro dalla “Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e contro la violenza domestica”, nota anche come Convenzione di Istanbul perché fu ratificata nella città turca, e proprio la Turchia fu la prima a firmarla nel 2011 quando lo stesso Erdogan era presidente del consiglio. La motivazione ufficiale fornita dai conservatori dell’AKP, il partito di governo, è che le leggi turche sarebbero sufficienti a difendere le donne e inoltre il “provvedimento minerebbe …

Read More »

La polizia a Londra attacca la fiaccolata per Sarah Everard

di Giovanni Ragusa L’ondata repressiva che sta attraversando tutta Europa, dalla Francia all’Italia passando per la Grecia, ha toccato anche il Regno Unito. Lo scorso sabato la fiaccolata organizzata in ricordo di Sarah Everard, 33enne britannica tragicamente deceduta a seguito di violenze commesse da un agente di Scotland Yard (la polizia inglese) di nome Wayne Couzens, si è trasformata però nell’ennesimo episodio di violenza poliziesca. La morte della giovane britannica è già un evento di una certa gravità, come ben si può capire. Sparita la sera del 3 marzo a Brixton e ritrovata solo una settimana dopo nel Kent, ad …

Read More »

Grecia. Non si fermano le proteste, cresce la repressione autoritaria

10-03-greek-protests

La crisi da Covid-19 ha prestato il fianco, nell’ultimo anno, ad un grave irrigidimento delle misure di polizia in diversi Stati dell’Unione Europea, come anche in Italia abbiamo avuto modo di vedere. Tra questi, uno dei paesi che è stato maggiormente vittima di un crescente clima di repressione è sicuramente la Grecia, che con il KKE, la sua giovanile KNE ed il fronte sindacale PAME ha dato vita ad una grande manifestazione contro la violenza poliziesca lo scorso 9 marzo. Una piazza che giunge dopo mesi di proteste contro una riforma dell’università dai toni autoritari, che tra le altre cose …

Read More »

L’anticomunismo in Slovacchia ha la benedizione della UE

kss-2

Sono sempre più gli Stati membri della UE che adottano legislazioni che puntano alla criminalizzazione del movimento comunista, tanto nelle sue espressioni storiche quanto in quelle attuali. Negli ultimi mesi, alla lista si è aggiunta la Slovacchia. Un emendamento varato dal Parlamento slovacco il 4 novembre 2020, da applicare ad una legge del 1996 sulla “immoralità ed illegalità del sistema comunista”, definisce apertamente il KSS, cioè il Partito Comunista Slovacco oggi esistente, come una organizzazione criminale. Un dato da non sottovalutare è che l’emendamento sia stato “giustificato” dalla Vicepresidente della Commissione Europea con un richiamo alla ormai famosa risoluzione del …

Read More »

Morire da sfruttati per i mondiali di calcio

qatar-mondiali

di Mattia Gabella Nel 2010 il Qatar ha vinto il diritto a ospitare i mondiali di calcio del 2022. Da quell’anno almeno 6500 lavoratori immigrati sono morti sul lavoro o per le dirette conseguenze delle condizioni in cui sono costretti a lavorare, una statistica impressionante di circa due decessi ogni 24 ore. Per mantenere il diritto ad ospitare la competizione e non sfigurare davanti al mondo intero, il Paese si è lanciato in una gigantesca sfida ingegneristica che consiste nella costruzione di sette nuovi stadi, una fitta rete infrastrutturale di strade, autostrade e aeroporti finanche un’intera nuova città, Lusail, da …

Read More »

I fatti del Congo e gli interessi italiani nella regione

di Daniele Bergamini Nella mattinata del 22 febbraio l’ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo (DRC), Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e l’autista congolese dell’ONU Mustapha Milambo sono stati uccisi da un gruppo di miliziani in un agguato nella regione del Nord Kivu, al confine con Uganda e Rwanda. La notizia ha suscitato reazioni di cordoglio e condanna pressoché unanimi, dalle autorità congolesi, italiane e dalla comunità internazionale. Diversi giornali si sono concentrati a rimarcare i diversi problemi dell’area, con le autorità della DRC che non hanno un solido controllo su diversi territori del paese. Ma serviva davvero che …

Read More »

Bombe USA in Siria. Così Biden si presenta al Medio Oriente

È andata in scena la prima azione militare americana dell’era Biden. Lo scenario è quello della Siria orientale, al confine con l’Iraq. Il Pentagono sostiene di aver colpito le milizie sciite filoiraniane (uccidendo 17 combattenti) responsabili di aver colpito un convoglio della coalizione a trazione USA lo scorso 15 febbraio vicino a Erbil, nel Kurdistan iracheno. Quell’attacco era stato rivendicato dal gruppo sciita Awliyya al-Dam (Guardiani del Sangue), con cui l’Iran nega di avere rapporti. E ancora, solo 6 giorni fa alcuni missili avevano colpito l’area dell’ambasciata statunitense a Baghdad, senza gravi conseguenze.  Il battesimo di fuoco dell’amministrazione Biden si …

Read More »

#LlibertatPabloHasél: la Spagna è in piazza

hasel-muro

Dopo l’arresto del rapper militante Pablo Hasél, come già avvenuto nei giorni immediatamente successivi al suo processo, in diverse città spagnole si sono verificate grandi mobilitazioni per protestare ulteriormente contro la condanna comminata dall’Audiencia Nacional. Hasél è stato condannato a 9 mesi di reclusione, accusato di avere “glorificato il terrorismo ed insultato la Corona Spagnola e le istituzioni” tramite i testi delle sue canzoni, di chiara ispirazione comunista e con contenuti di lotta. Questi fatti sono un’ulteriore dimostrazione di quanto sia necessario lottare contro l’ipocrisia borghese, pronta a proteggere con i denti il “diritto d’opinione” solo quando questo non le …

Read More »