Home / Politica e società / Il ritorno dell’eroina fra i giovani e le cause della dipendenza
eroina-st

Il ritorno dell’eroina fra i giovani e le cause della dipendenza

266 morti nel solo 2016. Una strage silenziosa. Numeri inquietanti che riflettono un preoccupante ritorno del consumo di eroina tra i più giovani, riportato tra l’altro in un recente articolo di Repubblica. Nella maggior parte dei casi le vittime risultano essere, infatti, ragazzi con meno di trent’anni.  Solo a Mestre si sono contati dieci morti negli ultimi tre mesi. Il fenomeno sembra concentrarsi principalmente nel centro e nel nord Italia.

Una situazione che in parte rievoca quella a cavallo fra gli anni ’70 e ’80, dove però al disagio sociale si sommava l’azione cosciente della “operazione Blue Moon” e dell’eroina di Stato; un’operazione dei servizi segreti e della CIA che utilizzava l’infiltrazione della droga (spacciata tanto dalle mafie, quanto dai fascisti) per distruggere dall’interno i movimenti giovanili di contestazione e della sinistra extraparlamentare.

Oggi, nel pieno della crisi economica, l’eroina ritorna fra i giovani, a causa del disagio sociale e della disperazione. Lo si può evincere facilmente tracciando un profilo sociale delle vittime e, più in generale, di chi sprofonda nella dipendenza dall’eroina. Si parla, come abbiamo già detto, di ragazzi giovani, spesso giovanissimi, provenienti da situazioni socio-economiche decisamente poco agiate. Ragazzi che vivono in quartieri abbandonati a sé stessi, senza la prospettiva di avere una possibilità di realizzazione nella propria vita. L’incremento dell’utilizzo dell’eroina, come di altre sostanze stupefacenti, tra i giovani in questa fase non è dunque casuale.

Il dramma procede di pari passo alla privazione di alternative di cui sono vittima i giovani delle classi popolari. I ragazzi vengono privati della possibilità di studiare adeguatamente, spesso impossibilitati a iscriversi all’università, a praticare sport o altre attività, se privi di sufficienti coperture economiche. Ciò porta in molte situazioni a non trovare scelta se non quella di rifugiarsi nella droga o in attività di piccola criminalità per trovare uno sbocco o, più semplicemente, impegnare il proprio tempo.

Sono il nulla imperante e a una quotidianità fatta più di privazioni che di possibilità a sfociare infine nell’alienazione. Le sostanze dal basso costo, come l’eroina che ha visto il suo costo calare a picco dall’inizio della crisi (come del resto la cocaina), spopolano e si diffondono sempre più fra migliaia di giovani. Un dato piuttosto indicativo a riguardo è che quasi sempre i casi di overdose riguardano consumatori occasionali, a riprova del fatto che spesso e volentieri dietro l’utilizzo non c’è necessariamente una dipendenza navigata, quanto un desiderio estemporaneo di evasione.
Moltissimi esperti del settore e responsabili di centri di recupero dalle tossicodipendenze evidenziano il dramma sociale vissuto da questi ragazzi il più delle volte abbandonati a se stessi. In tanti si concentrano sulla prevenzione, limitandosi però a un aspetto meramente informativo che, per forza di cose, risulta essere limitato e limitante.

Per combattere adeguatamente il fenomeno è necessario andare ben oltre l’informazione sul consumo di droga e le sue conseguenze, e a agire sulle cause che ne sono all’origine. La situazione nei quartieri popolari e nelle zone meno abbienti di Italia è letteralmente disastrosa per i giovani. Basterebbe già andare analizzare i dati sulla dispersione scolastica confrontandoli con quelli riguardanti le zone più ricche delle città o del paese. Nelle periferie ogni ragazzo vive una quotidianità in cui andare a scuola godendo di un servizio decente è pressoché un miracolo. Fare sport risulta impraticabile se non si dispone di abbastanza risorse economiche. Gli spazi culturali e che offrono occasioni di socialità sono quasi totalmente inesistenti (indicativa in tal senso potrebbe risultare, ad esempio, la chiusura del Teatro di Tor Bella Monaca a Roma, uno dei pochi spazi culturali in uno dei quartieri dal maggior disagio sociale della capitale). Spesso e volentieri le scuole di periferia sono letteralmente circondate da sale-slot, che oltre ad assorbire i pomeriggi di moltissimi adolescenti (nonché i pochi soldi), si trasformano in luoghi di raduno per la piccola criminalità che diventa, tragicamente, l’unica occasione di socialità per milioni di giovani, auto-alimentandosi con questo meccanismo perverso. È questo il contesto che porta tanti ragazzi a soccombere sotto i colpi della dipendenza, che nasce il più delle volte per mancanze di alternative.

Una reale prevenzione si potrebbe portare avanti solo offrendo delle alternative ai giovani, a prescindere dalle loro condizioni economiche. I proclami servono a poco, bisogna sradicare l’origine sociale di questo dramma che non a caso riemerge prepotentemente in un periodo in cui il disagio economico dei ceti meno abbienti non può che accentuarsi. Queste vittime sono riconducibili a una chiara responsabilità politica, figlia di scelte che vanno in una direzione piuttosto chiara e diametralmente opposta a quella della giustizia sociale. Dietro una retorica della prevenzione fine a se stessa, si nasconde un’ipocrisia di fondo di chi non fa nulla per cambiare tale situazione, spesso e volentieri aggravandola, mentre dall’altro lato c’è chi invoca la repressione come soluzione (come se il problema non fosse la droga, ma i tossicodipendenti che ne sono vittima). Oggi cresce un senso di precarietà e di nichilismo assoluto da cui è difficile riscattarsi, che si traduce in una ricerca di evasione e di alienazione che non di rado arriva a esiti tragici. Invertire questa rotta, dare speranza e coscienza a una generazione che oggi ha il compito di lottare per riprendersi ciò che le è stato tolto, è un obiettivo rivoluzionario. Oggi più che mai, è rivoluzionario combattere la droga e la dipendenza, e farla sparire dai nostri quartieri.

 

 

Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

invalsi

Test Invalsi, protestano gli studenti: «Dequalificanti e classisti, li boicotteremo»

Tra meno di una settimana a tutti gli studenti di seconda superiore saranno somministrati i …