Home / Senza categoria / Sull’occupazione della Biblioteca “Grazia Deledda” di Ponticelli

Sull’occupazione della Biblioteca “Grazia Deledda” di Ponticelli

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato sull’occupazione della Biblioteca “Grazia Deledda” di Ponticelli

—————————————————————–

Questa mattina andando nella biblioteca del nostro quartiere abbiamo appreso un’amara notizia: attraverso una delibera firmata dal direttore generale Attilio Auricchio, siamo stati avvisati insieme ai lavoratori della riduzione dell’orario di apertura del sito, del blocco della turnazione lavorativa e del conseguente abbassamento salariale per i lavoratori. NElla ferma convinzione che si trattasse di una scelta scellerata, nel momento in cui la crisi economica e sociale si acuisce e assistiamo ad un continuo smantellamento della scuola e dell’università pubblica, abbiamo scelto con l’appoggio dei lavoratori di occupare la biblioteca garantendo così la sua normale apertura. Nelle nostre periferie sempre più destinate a diventare dei veri e propri quartieri dormitorio a causa del malfunzionamento dei trasporti e la totale carenza di servizi, non possiamo permettere la chiusura di uno spazio importante per la cultura e per il sapere.

Nel pomeriggio siamo stati raggiunti dal presidente della VI municipalità Anna Cozzino che ci ha espresso solidarietà e ci ha garantito che non vi sarà alcun cambiamento rispetto all’ordinario svolgimento dell’attività della biblioteca. In attesa di risposte concerete e del decreto che annulli la delibera, la nostra mobilitazione continua. Invitiamo tutt* a sostenerla, domani dalle 9.00 saremo nuovamente nella struttura garantendo autonomamente la sua apertura.
Rivendichiamo #cultura #spazi #dirittoallostudio

Studenti e Studentesse di Napoli Est
Lavoratori e Lavoratrici della Biblioteca Grazia Deledda

Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

enniomorricone

Ennio Morricone: il ricordo di un giovane facchino

di Ettore Rossini Dopo le scuole superiori come molti altri ragazzi dei quartieri popolari ho …