Home / Senza categoria / A scuola calano le iscrizioni, on line o cartacee che siano.

A scuola calano le iscrizioni, on line o cartacee che siano.

scuolaLa vera notizia è che le iscrizioni alle scuole superiori calano in modo rilevante, ma i giornali e i telegiornali non fanno altro che parlare del cambiamento delle modalità d’iscrizione che a partire da quest’anno scolastico saranno solamente telematiche. Si cerca così ancora una volta di occultare il dato reale e che cioè per la prima volta dal dopoguerra ad oggi il numero degli studenti che si iscrivono alle scuole superiori sta diminuendo.

Secondo i dati presentati dal’Istat lo scorso dicembre in Italia il numero dei giovani iscritti alle scuole superiori è sceso nell’anno scolastico 2010/2011 di circa 25.000 iscrizioni. Un salto verso il basso che non ha nulla a che fare con l’invecchiamento della popolazione. Il tasso di scolarizzazione infatti è sceso nello stesso periodo dal 92,3% del 2009/2012 al 90%.

Si tratta dell’ennesimo dato che conferma il processo di esclusione di un numero sempre maggiore di giovani dalla possibilità di accesso all’istruzione in Italia. Un dato che segue a quelli degli anni precedenti, che avevano registrato cali nelle iscrizioni e soprattutto una netta inversione negli indirizzi scelti. Da anni infatti si registra una netta diminuzione dei licei a favore dell’istruzione tecnica e della formazione professionale. Il perché è semplice.

Di fronte alla crisi economica le famiglie preferiscono scegliere per i propri figli percorsi formativi rapidi che diano subito accesso al lavoro, senza stare troppo a discutere delle reali intenzioni e aspirazioni per il futuro dei propri figli. Basta incrociare i dati sul caro libri e sui costi delle iscrizioni, e quindi la spesa complessiva sostenuta da una famiglia per un anno di studi, per vedere immediatamente il collegamento economico. A questa va aggiunta la previsione di spesa futura per l’università, che i licei prevedono, con una sempre maggiore incertezza per il futuro.

I dati preoccupanti sono quelli che riguardano l’abbandono scolastico che cresce nelle periferie delle grandi città, nel sud Italia e nel nord est, e il calo netto delle iscrizioni che segna un passo avanti ulteriore in questo processo. Insomma a scuola si inizia a non andare più.

Ma per i media meglio continuare a parlare di iscrizioni on line e distrarre tutti dal dato reale.

Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

Grecia, studenti in mobilitazione. «Il governo ha pensato solo ai padroni, nelle scuole manca la sicurezza»

L’inizio dell’anno scolastico in Grecia per gli studenti medi è stato all’insegna della lotta, con …