Home / Senza categoria / Cresce la diseguaglianza nel mondo
images.duckduckgo.com

Cresce la diseguaglianza nel mondo

* di Salvatore Vicario

All’interno del “Rapporto mondiale sui salari 2012-13” dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), si possono trovare numerose prove del rallentamento della crescita dei salari in tutto il mondo dalla crisi globale capitalistica del 2008. I dati evidenziano in modo indiscutibile che il reddito dei lavoratori cresce molto più lentamente rispetto alla produttività del lavoro e del reddito dei capitalisti, con una tendenza che ci riporta ad un ciclo di disuguaglianza paragonabile al periodo antecedente la grande ascesa del movimento operaio e comunista internazionale. Il periodo dopo la Seconda Guerra Mondiale, in cui il divario tra “ricchi” e “poveri” si è assottigliato, è stato un fatto eccezionale nel corso della storia del mondo. Ora questo periodo è finito.

salario medio

A metà degli anni ’70, la quota destinata al lavoro era al 75% (sul reddito nazionale) per passare al 65% nel periodo antecedente la crisi del 2008, diminuendo di anno in anno, passando all’attuale 45%. Nei paesi in via di sviluppo è scesa dal 70% nel 1970 all’attuale 50%. Nei paesi sviluppati sono cresciuti i dividenti agli azionisti, ad esempio in Francia, nel 1980, tali pagamenti erano pari al 4% della massa salariale totale, nel 2008 già al 13%.

La produttività del lavoro, in tutto questo periodo, è cresciuta più velocemente dei salari dei lavoratori. Negli Stati Uniti, dal 1980, la produttività del lavoro nell’industria è aumentata dell’85% mentre i salari solo del 35%. Per gli altri paesi sviluppati le statistiche sono simili. Dal 1999, la produttività del lavoro nel mondo è cresciuta due volte più veloce rispetto al salario medio. Quanto più l’operaio produce, tanto meno è il suo salario. Questo è il capitalismo!

Numeri che evidenziano le contraddizioni del capitalismo e la forte riduzione dell’influenza del movimento operaio organizzato in tutto il mondo; la forza collettiva dei lavoratori si è indebolita notevolmente negli ultimi decenni e la distribuzione del reddito nazionale avvantaggia fortemente i capitalisti, focalizzati alla massimizzazione della valorizzazione del capitale incrementando l’aggressività, riducendo il “costo del lavoro” in nome della competitività nel mercato.

Sono le leggi della via di sviluppo capitalistica, a cui solo un forte movimento operaio e comunista internazionale organizzato può dare un freno, nel cammino per il rovesciamento di questo sistema giunto nella sua fase parassitaria, putrescente e marcia, salvando l’intera umanità dalla barbarie, fatta di sfruttamento, guerra e disoccupazione di massa.

Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

disperato-1

Smart working: come cambierà il lavoro dopo l’emergenza?

di Alessio Angelucci Nelle ultime settimane in Italia l’emergenza COVID 19 ha portato all’ordine del …