Home / Politica e società / Un figlio non si sfama con i voucher
art fertility

Un figlio non si sfama con i voucher

* Federica Savino – Resp.Commissione Donne FGC

Il Ministero della Salute ha proclamato per il 22 Settembre il “Fertility day”, che sarà celebrato in alcune piazze italiane (Roma, Padova, Bologna, Catania e altri comuni) come giornata nazionale all’interno del Piano Nazionale sulla Fertilità. Una iniziativa che, stando agli annunci del Governo, servirebbe a promuovere un incremento delle nascite. Come si possa confondere la fertilità (condizione biologica) con la natalità (dato demografico) non ci è ancora dato sapere…

«La bellezza non ha età, la fertilità si» è uno degli slogan di questa campagna, lanciata dal Governo a colpi di locandine che invitano a fare figli finché si è giovani: «Genitori Giovani. Il modo migliore per essere creativi» è un altro degli slogan. Una campagna che sa tanto di presa in giro e testimonia l’assoluto scollamento dalla realtà di un governo che ha condannato una generazione alla precarietà e ora la invita a fare figli. Dopo il danno la beffa, verrebbe da dire.

Le condizioni lavorative  da oltre un ventennio ormai peggiorano di riforma in riforma sotto i diktat della UE. Il Jobs Act non ci ha regalato altro che propaganda mediatica di pessimo gusto, smentita anche recentemente dai dati INPS e ISTAT: dopo i generosi incentivi pubblici elargiti a chi aveva intenzione di assumere il risultato non è stato altro che maggiore precarietà, nessun effetto duraturo sull’occupazione, e un aumento esponenziale di metodi di pagamento atipici e precarizzanti come i voucher. Chi riceve i colpi più duri dalla demolizione di diritti e tutele del lavoro sono per la maggior parte le donne e i giovani fino ai 30 anni.

Ma il governo si prodiga per una campagna sulla salvaguardia della fertilità: si invita a fare figli da giovani quando non si hanno le possibilità economiche per sostenere una gravidanza e per occuparsi di un figlio. Le donne vengono discriminate sui posti di lavoro in quanto donne che, se giovani e senza figli, si trovano in pericolo di gravidanza: contratti non rinnovati a causa di maternità, e conseguenti dimissioni pretese in bianco in questo caso, mobbing e discriminazione perché giovani donne potrebbero entrare in maternità: eppure si ha il coraggio di parlare di fertilità!

La diminuzione delle nascite, diventata ormai da tempo fisiologica, ha tra le altre motivazioni proprio quella di non riuscire a trovare un lavoro che possa essere stabile, per poter così sostenere un figlio e un nucleo familiare. Tutelare la fertilità vuol dire anche tutelare la genitorialità, non solo attraverso campagne informative che possono pur avere la loro (parziale e assolutamente non sufficiente) funzionalità, ma con un welfare che sia davvero pubblico e per tutti: una scuola completamente gratuita e di qualità dagli asili nido alle università, un servizio sanitario che venga finanziato dai governi e non svenduto sempre di più ai privati e con costi sempre maggiori per i cittadini. Ma anche la promozione e la garanzia dei congedi di maternità e paternità (questi ultimi previsti per legge ma ancora molto poco conosciuti ed utilizzati), così come il sostegno concreto ai genitori soli.

Una giornata che vede tra i suoi obiettivi anche quello di salvaguardare la salute sessuale: eppure i nostri consultori familiari, oltre ad essere le prime vittime dei tagli nei patti di stabilità, sono invasi da obiettori di coscienza che barattano salvaguardare la salute sessuale delle persone pur di non consigliare un contraccettivo. La salute sessuale dovrebbe essere tutelata realmente, non nelle piazze una volta ogni anno, ma coinvolgendo il sistema sanitario e scolastico con un vero programma di prevenzione e di educazione sessuale.

Invece di fare propaganda spicciola, bisognerebbe chiedersi cosa sta facendo realmente il governo Renzi, perché è chiaro che le politiche di questo governo, in linea con quelle dei suoi predecessori, vanno nella direzione opposta. Nessuno provi a dire che se i giovani in Italia non diventano genitori è un problema di “fertilità”. Per il 22 settembre abbiamo le idee chiare su cosa rispondere…

Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

Romacorteo

Lottare contro lo sfruttamento in alternanza per non essere gli schiavi del futuro

*di Alessandro Fiorucci Lo scorso venerdì gli studenti sono scesi in piazza in tutta Italia …