Home / Scuola e università / Catania, l’università esclude gli studenti con un basso voto di maturità

Catania, l’università esclude gli studenti con un basso voto di maturità

di Ruggero Caruso

A causa dell’emergenza sanitaria, l’Università degli Studi di Catania ha abolito i test d’ingresso ai corsi di laurea a numero programmato locale, cioè quelli gestiti dai singoli atenei e non con test nazionali (come ad esempio Medicina). Il che sembrerebbe quasi una buona notizia se non fosse che il criterio scelto per l’ammissione ai corsi è ancor più discriminatorio e classista nei confronti degli studenti, i quali verranno selezionati mediante il voto dell’esame di maturità.

Già durante la quarantena era evidente come l‘organizzazione della didattica a distanza stesse acuendo le differenze di classe all’interno degli istituti superiori. Secondo i dati di Cittadinanza Attiva(1), quasi uno studente su due non ha avuto pieno accesso alle video-lezioni per mancanza di dispositivi e connessioni internet appropriate. Le briciole stanziate dal governo(2) per sopperire a queste mancanze sono risultate del tutto insufficienti e mal distribuite, tant’è che all’interno degli stessi istituti, e delle stesse classi, gli studenti non hanno potuto beneficiare di una didattica adeguata, in particolar modo ai fini di una preparazione appropriata dell’esame di Maturità. Un dato dunque è certo: i diplomati dello scorso anno scolastico non sono partiti affatto tutti dalle stesse condizioni, e non sono arrivati tutti con lo stesso livello di preparazione all’esame, condizionando in maniera determinante esiti e valutazioni finali.

In queste circostanze assume un peso rilevante la tipologia di istituto nel quale ci si diploma. I dati Istat(3) ci dicono infatti che nella regione Sicilia nel 2018, il voto mediano degli studenti diplomatisi nei licei classici era 84. Questo valore crolla se andiamo ad osservare i dati inerenti gli istituti tecnici e i professionali, quelli che solitamente sono localizzati in aree periferiche e che tendenzialmente sono frequentati da giovani di estrazione popolare; nello stesso anno infatti, il voto mediano degli studenti usciti dagli istituti tecnici per settore tecnologico e dagli istituti professionali è stato rispettivamente 74 e 72. Nel 2020 in tutta Italia gli studenti liceali che hanno ottenuto una valutazione superiore all’80 sono stati il 58,5% del totale, a fronte del 41,3% negli istituti tecnici e del 39% negli istituti professionali(4). Appare chiaro che, come nella migliore tradizione gentiliana, chi esce da un liceo avrà più facilità d’ingresso all’università.

Un altro elemento che non bisogna lasciarsi sfuggire è che il metro di giudizio dei candidati alla maturità in alcun modo può essere omogeneo in tutti gli istituti e in tutte le classi. Basterebbe prendere in considerazione questo punto per far emergere tutta l’assurdità di questo criterio d’ammissione. Docenti, dirigenti e commissioni d’esami, nel pieno della loro autonomia professionale valutano percorso di studi e prove d’esame a loro totale discrezione; come pensa il rettore Priolo di poter garantire una “competizione” equa a tutti gli studenti che proveranno ad iscriversi a Unict?

Su queste basi migliaia di studenti si vedranno preclusa la possibilità di studiare all’università. Per fare degli esempi, al Dipartimento di Economia e Impresa su 1819 richieste di immatricolazione, i posti disponibili sono solo 765; allo stesso modo, al Dipartimento di Scienze Umanistiche sono stati messi a disposizione solo 1570 posti a fronte di 2705 richieste; o ancora ai corsi di laurea del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali accederanno solo 340 studenti tra i 2071 che hanno fatto richiesta. Alla luce di questi numeri bisogna chiarire una cosa: non esiste in questo sistema un modo migliore di altri per escludere studenti dai livelli più alti di istruzione. Il concetto di meritocrazia è un concetto fallace nel momento in cui non si parte tutti dalle stesse condizioni. Abbiamo visto come in alcuni casi (i test a medicina e professioni sanitarie) il numero chiuso all’università sia funzionale a tagliare su alcune voci di spesa pubblica destinata ai servizi sociali (sanità), o come in altri le immatricolazioni bloccate siano dovute a carenze strutturali dell’università italiana, specie per quanto riguarda l’edilizia e le assunzioni di personale docente e amministrativo. Servono seri investimenti sull’istruzione, a tutti i livelli, per abbattere le barriere di classe che tutt’oggi escludono centinaia di migliaia di giovani dagli studi universitari.

Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

riapertura-scuole

Un rientro a scuola all’insegna delle disuguaglianze di classe

di Flavia Lepizzera e Matteo Battilani* Settembre è arrivato e quest’anno più che mai l’attenzione mediatica …