Home / Senza categoria / Si riaccendono le proteste in Francia
francia-proteste-1

Si riaccendono le proteste in Francia

di Giorgio Pica

Si riaccendono in tutta la Francia le mobilitazioni contro la cosiddetta “legge sulla sicurezza globale”, approvata in prima lettura dall’Assemblea nazionale francese a fine novembre, che al controverso articolo 24 prevede la detenzione fino a un anno di carcere e multe fino a 45mila euro per chi riprende, fotografa o diffonde in qualsiasi modo immagini della polizia in servizio. “La neve, i gas e le cariche della polizia, la censura dei media, il clima deleterio (meteo e politico) non avranno la meglio sulla nostra determinazione[…]. Migliaia di manifestanti hanno marciato sabato 16 gennaio in più di 80 città per le libertà e per dire #StopLoiSécuritéGlobale”, così riporta Unité CGT, media indipendente legato ai settori più conflittuali della CGT, tra i principali sindacati francesi, a proposito della mobilitazione lanciata lo scorso sabato dal “Coordinamento Contro la Legge sulla Sicurezza Globale”, che ha già indetto un’altra data di mobilitazione nazionale a Parigi per il 30 gennaio.

La legge, che a marzo andrà in votazione al Senato, ha sin da subito provocato una forte indignazione in tutto il paese, dando luogo a un’ondata di mobilitazioni che negli ultimi due mesi ha invaso le piazze francesi con centinaia di migliaia di manifestanti. Critiche alla legge sono arrivate addirittura da Amnesty International e dall’Alto commissario per i diritti umani dell’ONU Michelle Bachelet, oltre che da numerose associazioni di categoria dei giornalisti. La prima mobilitazione avvenuta il 17 novembre è stata seguita da cortei sempre più partecipati, anche a seguito della diffusione del video che riprende la brutale aggressione, corredata da insulti razzisti, del produttore francese Michel Zecler da parte di quattro poliziotti.

La risposta del governo Macron è stata una violenta repressione delle manifestazioni. Ad esempio il 12 dicembre, nella sola città di Parigi, il bilancio drammatico è stato di centinaia di feriti e quasi 150 arresti, la maggior parte dei quali completamente arbitrari come denunciato da varie associazioni e sindacati . La timida promessa del governo di riscrivere l’articolo 24 non ha fermato le proteste, che sono ricominciate sabato scorso, e con esse la repressione poliziesca che ha portato a quasi 100 nuovi arresti. Non è infatti solamente l’articolo 24 a essere contestato ma l’intera legge, che di fatto amplia gli strumenti repressivi in mano alle forze dell’ordine, soprattutto nei contesti di piazza, con l’incremento dell’utilizzo di telecamere di sicurezza e droni per le riprese. “Lo Stato mostra sempre di più il suo vero volto!” – si legge su un comunicato dei Giovani Comunisti di Lione – “Lungi dall’essere il garante della democrazia, lungi dall’essere l’emanazione istituzionale, in realtà è solo lo strumento burocratico e repressivo del potere borghese!”

La legge di sicurezza globale non è infatti un provvedimento isolato ma si colloca in un contesto più ampio di crescita della repressione e in una più generale deriva autoritaria e reazionaria dello stato francese in tutti gli ambiti, che si è particolarmente intensificata con il governo Macron che sempre più si appoggia sui settori più aggressivi della borghesia francese: dall’ambito culturale e scolastico con nuove riforme sull’istruzione e nuovi programmi scolastici revisionisti, a quello sociale con licenziamenti di massa e l’incremento della violenza poliziesca. Nella giornata di oggi, 20 gennaio, è prevista in Francia la mobilitazione nazionale degli studenti. È quindi in questo contesto che si inserisce  la legge di sicurezza globale, che rappresenta un ulteriore passo in questa direzione, di fatto legittimando giuridicamente  una situazione esistente da anni.

Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

indiani

India, sospese le leggi agrarie. I comunisti: «lotta prosegue fino all’abrogazione»

Nuovi sviluppi in India, paese che da mesi vede una massiccia mobilitazione contadina ed operaia contro le …