Home / Idee e lotta / Sul contesto politico-militare internazionale del mondo moderno
vagenas-kke-st

Sul contesto politico-militare internazionale del mondo moderno

Traduzione di un articolo di Elisseos Vagenas, membro del Comitato Centrale del KKE e responsabile della sezione internazionale del CC. Pubblicato sulla Kommunistiki Epitheorisi, rivista teorica del KKE, numero 6/2020, ottobre-dicembre.

Le “vie di pace e prosperità” promesse ai popoli da tutti i tipi di oppositori del socialismo dopo il suo rovesciamento nell’Unione Sovietica e in altri paesi dell’Europa orientale non sono mai diventate realtà. Tre decenni dopo, nonostante l’ulteriore sviluppo tecnologico, il “nostro mondo contemporaneo” è diventato ancora più spietato e disumano per i lavoratori. Le conquiste storiche della classe operaia sono state eliminate, mentre le successive crisi capitalistiche hanno esacerbato l’impasse sociale ed economica dei popoli. La distruzione ambientale è continuata, solitamente con il pretesto dello “sviluppo verde”. I sistemi sanitari e assistenziali pubblici sono peggiorati, aumentando così le barriere di classe per la soddisfazione dei bisogni sociali. Ogni anno decine di milioni di persone sono costrette ad abbandonare le proprie case a causa di sfruttamento, interventi militari e guerre che portano a migliaia di morti.

Il nostro “mondo contemporaneo” è un mondo in cui rapporti di produzione capitalistici dominano universalmente, un mondo in cui le grandi imprese – i monopoli – giocano un ruolo decisivo nella vita economica di ogni paese capitalista, che sulla base del proprio potere economico-politico e militare si integra e occupa il proprio posto nel sistema mondiale dell’imperialismo, creando così rapporti di interdipendenza diseguale con il resto dei paesi. In effetti la loro posizione può mutare a causa di uno sviluppo ineguale poiché “lo sviluppo uniforme di diverse imprese, trust, rami dell’industria o paesi è impossibile sotto il capitalismo [1]” e, naturalmente, del conflitto tra capitalisti per il profitto, che è la forma trainante di tutte le economie capitaliste e che non può fermarsi nemmeno per un momento. Un feroce conflitto per la spartizione delle quote di mercato in ogni settore si sta verificando in tutto il mondo, in ogni paese e regione, nel quadro della spinta incessante per il controllo delle risorse energetiche, delle risorse minerarie, delle rotte di trasporto delle merci ecc.

Questo conflitto coinvolge tutti gli aspetti delle economie capitaliste, compresi i vaccini e le medicine, come è stato recentemente dimostrato dall’evoluzione della pandemia.

Lo scontro si diffonde in tutto il mondo. In Eurasia e nel Mediterraneo orientale, nel Golfo Persico e nel Pacifico meridionale, in Africa e in America Latina, nell’Artico e nell’Asia centrale, c’è un conflitto tra forti monopoli, stati capitalisti e loro alleanze. L’aggravarsi di questo conflitto, nel caso in cui le “guerre” commerciali ed economiche e vari mezzi politico-diplomatici non fossero sufficienti, porta all’uso di mezzi militari.

Negli ultimi anni l’attenzione è rimasta sulla regione del Mediterraneo orientale, sulle guerre in Siria e in Libia, sui piani di guerra statunitensi e israeliani contro l’Iran, sul coinvolgimento degli Stati Uniti in America Latina contro Cuba, Venezuela e Bolivia, sulle rivendicazioni cinesi contro il Vietnam e altri paesi del Pacifico con il coinvolgimento degli Stati Uniti nel Mar Cinese Meridionale e Taiwan, la guerra dell’Arabia Saudita contro lo Yemen. Allo stesso tempo, le situazioni nella regione dell’Ucraina orientale (Donbass) e della Crimea, nel Caucaso e nei Balcani occidentali rimangono potenziali punti critici, mentre vengono elaborati piani imperialisti contro i popoli di Cipro e Palestina, che vivono da decenni sotto occupazione straniera.

In queste condizioni è importante sottolineare i nuovi dati e le nuove tendenze e, dato lo scopo di questo articolo, affrontare alcune delle visioni errate e confusionarie promosse dalle forze borghesi e opportuniste.

La natura del nuovo schema bipolare USA-Cina

Un elemento relativamente nuovo, che caratterizza sempre più le relazioni internazionali, è l’escalation del confronto tra Stati Uniti e Cina. Gli Stati Uniti rimangono attualmente la maggiore potenza economica e politico-militare del mondo capitalista. Gli Stati Uniti hanno ancora il PIL più elevato rispetto a qualsiasi altro paese, stimato a $ 19,4 trilioni, pari al 24,4% dell’economia mondiale. Gli Stati Uniti hanno le forze armate più potenti, con un’ampia varietà di armi mortali; provvedono al costante ammodernamento del loro arsenale e, come sarà dimostrato in seguito, dispongono del più alto budget militare e di una presenza militare in decine di paesi. Allo stesso tempo, hanno una rappresentanza forte e indiscutibile in tutti i potenti accordi e organizzazioni transnazionali, cercando di utilizzare mezzi politico-diplomatici, a livello multilaterale e bilaterale, per garantirsi un forte vantaggio sui concorrenti.

Allo stesso tempo, la Cina sta rafforzando la sua forza sia economica sia politico-militare. Il suo PIL è stimato a $ 12,2 trilioni, pari al 15,4% del prodotto interno lordo mondiale, tuttavia, dal 2016, l’economia cinese è la più grande al mondo in termini di parità di potere d’acquisto (PPP). Come verrà discusso più avanti, la Cina sta gradualmente modernizzando le sue forze armate, ed è salita al 2° posto in termini di spesa militare dopo gli Stati Uniti, aumentando i suoi mezzi politici e diplomatici per rafforzare la sua posizione.

È ovvio che queste due potenze, Stati Uniti e Cina, che sono di gran lunga le economie più forti, sono in competizione tra loro per la supremazia; una competizione, che in linea di principio ha un retroterra economico, dato che il loro confronto ha molteplici aspetti, e che nell’ultimo periodo si è riflessa in una serie di guerre commerciali tra le due potenze, in occasione del drammatico aumento del deficit commerciale statunitense negli scambi bilaterali con la Cina. Per questo motivo, gli Stati Uniti hanno imposto dazi sui beni cinesi per decine di miliardi di dollari, seguiti da dazi cinesi simili sui beni di valore USA e da accordi di riduzione della crisi, ognuno dei quali si presenta come temporaneo. Gli Stati Uniti si stanno concentrando sul non perdere terreno nel campo delle nuove tecnologie e quindi, tra le altre cose, stanno intensificando gli sforzi per escludere la Cina dalle reti 5G, che nel prossimo futuro produrranno enormi profitti ai monopoli nel campo delle telecomunicazioni e nuove tecnologie [2], mentre la Cina promuove la “via della seta” attraverso la penetrazione dei propri grandi monopoli.

Naturalmente quanto sopra si riflette a livello politico-diplomatico e militare. È caratteristico che gli Usa abbiano incolpato la Cina per la pandemia di coronavirus, per la violazione dei brevetti tecnologici, per il suo “espansionismo”, per la violazione dei “diritti democratici” ecc., Mentre, invece, la Cina, con lo strumento degli accordi economici e commerciali, cerca di minare le tradizionali alleanze statunitensi. In questa direzione, gli Stati Uniti stanno adattando la loro dottrina, considerando la Cina come il loro principale concorrente e rivale, cosa che non cambia con l’elezione di Joe Biden alla presidenza degli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti cercano di mascherare questo confronto con artificiosi concetti anticomunisti, mentre la Cina utilizza l’ideologia della “democratizzazione” delle relazioni internazionali all’interno del sistema imperialista globale e si concentra sulla necessità di superare il “mondo unipolare” a favore di un “mondo multipolare” e contro le imposizioni della politica statunitense.

Le argomentazioni politiche delle due maggiori potenze economiche mondiali sollevano alcune domande: quali sono le ragioni di questo confronto? Possiamo considerare di avere, come ai tempi dell’URSS, un confronto simile tra due paesi con sistemi socio-politici diversi, uno scontro tra la più forte potenza capitalista e una potenza socialista? La confusione tra i lavoratori riguardo queste domande è grande, specialmente nei paesi dove i partiti comunisti considerano ancora la Cina come un paese socialista o come un paese che “costruisce il socialismo con caratteristiche cinesi”.

Vale quindi la pena soffermarsi brevemente sulla natura di questo confronto. È molto importante affrontare la valutazione della realtà socio-economica in Cina. È un dato di fatto che oggi in Cina, nonostante il fatto che il partito di governo abbia la denominazione “comunista”, prevalgono i rapporti di produzione capitalistici. Dal 2012 in poi costantemente il PIL cinese è generato dal settore privato per oltre il 60%[3]. Lo stato cinese ha formato un completo “arsenale” per aiutare i capitalisti cinesi, che include misure simili a quelle in vigore nel resto del mondo capitalista. Non è un caso quindi che nel 2020, in mezzo alla crisi capitalista in atto accelerata dalla pandemia, i miliardari cinesi siano arrivati ​​a 596, superando per la prima volta gli Stati Uniti, che ne avevano 537. Secondo la lista pubblicata, i capitalisti cinesi più potenti hanno nelle loro mani colossali gruppi di e-commerce, fabbriche, hotel, centri commerciali, cinema, social media, compagnie di telefonia mobile e così via [4]. Allo stesso tempo, secondo i dati ufficiali, la disoccupazione, che contraddistingue tutte le economie capitaliste, è al 5,3% e l’obiettivo del governo è di rimanere al di sotto del 6% [5]. Inoltre, decine di milioni di immigrati interni itineranti, stimati in 290 milioni, che sono occupati in lavori temporanei e possono rimanere disoccupati, non sono conteggiati nelle statistiche ufficiali e possono raggiungere fino al 30% della forza lavoro del paese [6]. Decine di milioni di persone non hanno accesso ai servizi sociali contemporanei, come l’istruzione tecnica e superiore e l’assistenza sanitaria, a causa della loro commercializzazione, dato che i loro redditi sono molto bassi [7]. È caratteristico che in un campo in cui spicca Cuba, ovvero il rapporto di medici per ogni 10.000 abitanti, come il rapporto cubano è il più alto del mondo (82), la Cina è invece tra i paesi con il rapporto più basso (18) [8]. I festeggiamenti per lo sradicamento della povertà estrema nascondono che esso è calcolato su una base di 1,9 dollari al giorno, mentre il tasso di povertà in Cina raggiunge il 24%, se calcolato sulla base di un reddito giornaliero inferiore a 5,5 dollari [9].

Quanto sopra, se paragonato al lusso dei miliardari e milionari cinesi, mostra chiaramente l’enorme ingiustizia sociale e lo sfruttamento che caratterizza anche il modo di produzione capitalista in Cina.

Quindi, quando parliamo di Stati Uniti e Cina, stiamo parlando di due forze dell’attuale mondo capitalista. La Cina, attualmente un membro attivo di tutte le associazioni capitaliste internazionali, come l’Organizzazione mondiale del commercio e la Banca mondiale, è strettamente collegata all’economia capitalista globale [10]. Basti pensare che le obbligazioni statunitensi nelle sole mani cinesi superano gli 1,1 trilioni di dollari.

Le argomentazioni secondo cui la Cina starebbe seguendo le politiche della NEP, come ha fatto l’Unione Sovietica, lavorando con il capitale privato per sviluppare le sue forze produttive, sono infondate. Ci sono enormi differenze tra la NEP e la situazione attuale in Cina, come la durata o il fatto che la NEP aveva il carattere di “ritirata”, come Lenin ha ripetutamente sottolineato [11], e non era concettualizzata come un elemento di costruzione socialista, come è il caso della prevalenza delle relazioni capitaliste in Cina, con il costrutto ideologico del “socialismo con caratteristiche cinesi”. Inoltre, durante il periodo NEP non solo gli uomini d’affari non potevano essere membri del partito bolscevico, ma sotto entrambe le costituzioni sovietiche (1918 e 1925), che furono adottate in quel periodo, furono privati dei loro diritti politici, in contrasto con l’attuale Cina, dove decine di uomini d’affari occupano seggi in parlamento e nel Partito comunista.

Di conseguenza l’URSS non può essere paragonata alla Cina di oggi. Neanche nel periodo in cui in URSS presero il sopravvento nel Partito Comunista le idee di rafforzamento del “mercato”, di relazione merce-denaro e di “coesistenza pacifica” con i paesi capitalisti e in cui le interconnessioni dell’URSS con l’economia capitalista mondiale ha influenzato le decisioni politiche e le relazioni internazionali dello stato sovietico, né le interconnessione dell’economia sovietica con l’economia globale né il livello di sviluppo delle relazioni capitaliste potrebbero mai essere paragonate in termini di dimensioni e qualità con quelle attuali della Cina.

Pertanto, il nuovo “schema bipolare” non ha alcuna relazione con il confronto tra Stati Uniti e Unione Sovietica, poiché oggi gli Stati Uniti e la Cina si scontrano sul terreno dei rapporti di produzione capitalisti prevalenti, che dominano nelle loro economie e portano alla lotta per le materie prime, le vie di trasporto, le quote di mercato, l’influenza geopolitica. Qualcosa che non può nascondere il fatto che siamo di fronte a una lotta inter-imperialista per la supremazia nel sistema imperialista.

L’interesse statunitense nel far acquistare le proprie obbligazioni dalla Cina, e nel grande mercato statunitense come luogo di vendita di beni prodotti in Cina, vanno di pari passo con l’acuirsi del confronto tra le due potenze, che assume carattere globale, poiché si manifesta simultaneamente in molte regioni del mondo e coinvolgendo in misura sempre maggiore altre organizzazioni e accordi internazionali multilaterali. Ciò dimostra che l’interdipendenza delle economie capitaliste può andare di pari passo con l’intensificarsi delle contraddizioni inter-imperialiste. La linea politica di “domare il drago” attraverso gli accordi multilaterali statunitensi con i paesi dell’America centrale e meridionale e del Pacifico, seguita dalla leadership statunitense prima di Trump, non aveva dato i risultati attesi ed è stata successivamente sostituita da una posizione rigida nei confronti della Cina.

L’affermazione di Joe Biden alla presidenza degli Stati Uniti e di quella parte di borghesia che rappresenta potrebbero cambiare i “toni”, portare cambiamenti nelle tattiche che gli Stati Uniti perseguiranno, ma in nessun caso sospenderà la feroce concorrenza tra Stati Uniti e Cina.

I piani della NATO e la lotta al suo interno

Anche il “braccio” politico-militare dell’imperialismo euroatlantico presenta elementi nuovi. La strategia della NATO è caratterizzata dall’espansione pianificata in tutto il mondo, dal suo allargamento con nuovi membri, dall’istituzione di partnership con dozzine di paesi, dall’istituzione di unità militari pronte all’uso. Nonostante i rapporti affermassero che l’obiettivo principale fosse lo Stato Islamico-ISIS e altri gruppi criminali simili, i piani rivolti a Russia e Iran sono stati promossi durante i vertici di Varsavia nel 2016, di Bruxelles nel 2017 e 2018 e di Londra nel 2019, nonché nell’Incontro dei Ministri della Difesa, anche la Cina fa parte di questi piani. In questo contesto si propone di allestire unità di fanteria, aeronautiche e navali completamente equipaggiate che possano intervenire in 30 giorni, su qualsiasi fronte scelto dallo staff della NATO.

Le truppe della NATO sono in Afghanistan e in Kosovo. Continuano le operazioni navali Sea Guardian nel Mediterraneo, la flotta SNMG2 opera nell’Egeo e viene supportata dall’operazione Ue “nuova SOPHIA” in Libia. La composizione della NATO Rapid Reaction Force ha raggiunto i 40.000 soldati. Vengono allestite 8 sedi nell’Europa dell’Est. 4 formazioni di battaglia multinazionali sono state lanciate negli Stati baltici e in Polonia. La sua presenza nel Mar Nero è stata rafforzata. La NATO ha una presenza significativa non solo nelle tre ex repubbliche sovietiche baltiche (Estonia, Lituania e Lettonia), ma anche in Georgia e Ucraina, mentre con l’accordo di “pace” in Nagorno-Karabakh, la Turchia, membro della NATO, sta rafforzando la sua posizione politica in Azerbaigian, controllando il “canale” tra il Mar Nero e il Mar Caspio.

Allo stesso tempo, ci sono sempre più contraddizioni tra USA e Germania o tra USA e Francia o, ancora, tra Francia e Germania all’interno della NATO, ma anche altre contraddizioni importanti, come quelle tra Turchia e Francia o Turchia e Grecia. Le dichiarazioni di Macron secondo cui “la NATO è cerebralmente morta” sono peculiari. Finora queste contraddizioni sono state risolte da vari compromessi temporanei, spesso mediante allentamento della tensione, ma il loro “groviglio” si complica sempre più mentre la funzionalità e la dinamica dell’alleanza predatoria imperialista è messa in discussione anche dalle forze politiche e dagli analisti borghesi.

Il nostro partito è in prima linea nella lotta in Grecia contro l’organizzazione imperialista della NATO e i suoi piani, contro il coinvolgimento del nostro paese in essi, nonché a livello europeo e internazionale. Il nostro partito ritiene che le opinioni, sviluppate anche da alcuni partiti comunisti, che chiedono lo “scioglimento della NATO” senza collegarla alla lotta per il disimpegno del proprio paese dalla NATO, indeboliscono la lotta contro questa organizzazione imperialista. Il rifiuto della lotta per il disimpegno di ogni Paese, giustificato dall'”immaturità” delle condizioni, non è una questione di “realismo” ma una tendenza al compromesso con un rapporto di forza negativo delle che portano ai desideri di “dissoluzione”. Il KKE lotta per il disimpegno dalla NATO e da ogni unione imperialista e ritiene che questo disimpegno possa essere a favore dell’interesse popolare solo se salvaguardato dal potere della classe operaia, vista tra l’altro l’esperienza del ritiro temporaneo dei paesi (Francia, Grecia) dall’ala militare della NATO, nel contesto della competizione intra-borghese, che successivamente ha riprodotto gli stessi problemi.

La UE, l’unione del capitale in Europa

Stanno emergendo contraddizioni anche all’interno dell’UE [12]. La manifestazione irregolare della crisi influisce sul cambiamento dei rapporti di forza. La posizione della Germania nei confronti di Francia e Italia è ulteriormente rafforzata, come fattori che aumentano le forze centrifughe della zona euro. Ciò, tuttavia, non nega gli effettivi vantaggi che la borghesia degli Stati membri dell’UE ha ottenuto dal grande mercato unico dell’UE nella competizione internazionale con gli altri centri imperialisti.

L’UE continua ad implementare gli assi di una “strategia globale” annunciata nel luglio 2016. Tratta il mondo come il suo “ambiente strategico” e valuta che siano in corso cambiamenti nelle alleanze [13]. La Cina è diventata il partner più importante della UE. Allo stesso tempo questo sviluppo, così come il rafforzamento generale della Cina nelle relazioni internazionali, favorisce le tendenze inverse per il surriscaldamento delle relazioni USA-Germania e il rafforzamento della coesione dell’alleanza euro-atlantica. In questo quadro, l’UE ha aumentato le sanzioni economiche e la pressione esercitata insieme agli Stati Uniti sulla Russia, con il pretesto dell’annessione della Crimea e il sostegno alla secessione delle regioni orientali dell’Ucraina.

Per raggiungere i suoi obiettivi internazionali per una più efficace penetrazione dei monopoli europei nei paesi terzi, l’UE ha istituito la cosiddetta “Cooperazione strutturata permanente”, PESCO [14]. Allo stesso tempo, viene promossa l’“European Intervention Initiative[15]” di ispirazione francese per superare i ritardi causati dal processo decisionale unanime per svolgere immediatamente le missioni imperialiste. Oggi l’UE ha svolto missioni imperialiste in tre continenti [16].

Negli ultimi anni sono state prese misure per rafforzare l’obiettivo della cosiddetta “Autonomia Strategica” nell’ambito del rafforzamento dell’alleanza e degli interventi congiunti con la NATO, che resta il principale pilastro della sicurezza europea.

La pianificazione dei programmi di ricerca e degli armamenti attraverso il mercato dell’UE, sulla base del criterio della competenza militare autonoma, viene rafforzata nel tentativo di ridurre la dipendenza dal mercato degli armamenti statunitense. Il finanziamento del cosiddetto “Fondo europeo per la difesa” (EDF), che fornisce finanziamenti per 5,5 miliardi di euro all’anno “per promuovere le capacità di difesa dell’UE”, gioca un ruolo importante. Dal 2018 è in corso il “Programma europeo di sviluppo industriale della difesa” (EDIDP), che mira a sostenere “la competitività e l’innovazione dell’industria della difesa dell’UE”. Per questo scopo 13 miliardi sono previsti dal budget per la modernizzazione dell’industria della difesa dell’UE e gli Stati membri dell’UE sono invitati a destinare il 2% del loro PIL agli armamenti dell’UE, oltre agli impegni della NATO. La PESCO ha lo scopo di potenziare la cosiddetta “mobilità militare” per gli Stati membri “per intervenire nelle crisi all’estero con la possibilità di spostare truppe, personale civile, materiali e attrezzature liberamente e rapidamente”. L’accento è posto sul lancio della “Valutazione annuale coordinata della difesa (CARD)” con l’obiettivo di rafforzare la cooperazione in materia di difesa tra gli Stati membri. Questo meccanismo è simile al Semestre Europeo [17], che mira al controllo dei piani militari affinché gli Stati membri applichino criteri uniformi per la politica di sicurezza e della difesa, per affrontare il più possibile le contraddizioni tra loro.

La militarizzazione della UE si sta approfondendo. Ciò è evidente anche nell’istituzione del “Fondo europeo per la pace (EPF)”, un nuovo fondo che fornirà finanziamenti aggiuntivi per 10,5 miliardi di euro separatamente dal budget (quadro finanziario pluriennale 2021-2027). Questo meccanismo finanzierà le azioni della “Politica estera e di sicurezza comune” (CFSP).

Sono inoltre promossi dei piani per rafforzare lo “strumento di vicinato, sviluppo e cooperazione internazionale”, un strumento potente per l’intervento dell’UE nei paesi terzi.

Allo stesso tempo, la Brexit ha evidenziato in modo caratteristico l’acuirsi delle contraddizioni all’interno della UE. Queste contraddizioni sono destinate ad essere utilizzate anche da altre forze, come evidenziato dal sostegno degli Stati Uniti alla Brexit e anche dal tentativo degli Stati Uniti, da un lato, di promuovere accordi separati con gli Stati membri dell’UE, e dall’altro di imporre sanzioni ai monopoli e Paesi “ammiragli” dell’UE, come Germania e Francia.

Tutto ciò dimostra come la UE sia il centro imperialista europeo che, nonostante le contraddizioni interne che si manifestano all’interno delle sue fila, agisce drasticamente a favore della redditività dei suoi monopoli, del rafforzamento del potere di tutte le sue borghesie che ne fanno parte, e promuove piani imperialisti in altre regioni.

L’appello al rafforzamento della “Joint European Enhanced Defense Co-operation”, che è sostenuta dalle forze del cosiddetto “Partito della Sinistra Europea” (SE), è del tutto disorientante. Viene presentato come un cosiddetto “contrappeso” alla NATO ed è persino promosso dal gruppo “di sinistra” GUE/NGL al Parlamento europeo con argomenti come “sicurezza dei cittadini” e “riduzione dei costi” [18]. Questo perché l’organizzazione imperialista della UE va di pari passo con la NATO, 3/4 dei membri dell’UE e tutti i suoi paesi più forti sono anche membri della NATO, mentre le missioni imperialiste dell’UE all’estero non sono svolte per la “sicurezza dei cittadini” ma per i profitti dei monopoli europei. Come si vedrà in seguito, la crescente spesa militare congiunta dei paesi dell’UE non ha ridotto in ogni caso la spesa militare dei bilanci nazionali.

I sofismi sulla “democratizzazione” della UE e il rafforzamento della “solidarietà europea” o  di “uguaglianza” tra gli Stati membri, che vengono proposti da una serie di forze opportuniste che denunciano la cosiddetta “UE tedesca” e ne promuovono la necessità per una “correzione” della stessa UE, stanno solo gettando fino negli occhi dei popoli. La UE, in quanto unione del capitale, non potrà mai essere democratica, solidale e equa. Al suo interno ci saranno sempre relazioni di interdipendenza diseguale e il suo carattere reazionario si intensificherà, sia all’interno, contro i lavoratori dei suoi paesi, sia al di fuori dell’UE, contro altri popoli.

Il KKE ha preso l’iniziativa di istituire l ‘”Iniziativa comunista europea”, al cui interno i partiti comunisti e operai di molti paesi europei partecipano e lottano contro le politiche antipopolari e i piani imperialisti UE-NATO, difendono il diritto di tutti i popoli a scegliere sovranamente il proprio percorso di sviluppo, compreso il diritto al disimpegno dalle dipendenze multilivello dalla UE e dalla NATO, nonché la scelta socialista [19].

A questo punto dobbiamo sottolineare che lo scopo dei PC basati sulla visione del mondo del socialismo scientifico e che partecipano all'”Iniziativa comunista europea” per studiare insieme gli sviluppi europei e internazionali, per raggiungere conclusioni comuni di base e per coordinare le loro l’azioni sulla base dei problemi popolari e sulla causa della classe operaia, contro le unioni imperialiste, costituisce un passo tempestivo e necessario nella direzione della formazione di una strategia rivoluzionaria contemporanea. Alcuni PC europei, che hanno rinunciato apertamente al marxismo-leninismo e sono comunisti solo di nome o hanno revisionato le leggi della rivoluzione e  della costruzione socialista usando la negazione dei “modelli”, il “dogmatismo” e l’”omogeneizzazione ideologico-politica” come alibi, non potevano aderire a questo processo necessario che può dare slancio al movimento comunista. Questo fatto può ulteriormente esacerbare l’arretratezza ideologico-politica espressa dall’attaccamento di questi partiti a precedenti elaborazioni strategiche del movimento internazionale che sono state smentite dalla vita stessa e che li conduce verso enormi impasse, li smaschera di fronte alla classe operaia e nel migliore dei casi li pone alla “coda di sinistra” della socialdemocrazia nella gestione del sistema.

Nuove alleanze politiche, diplomatiche e militari e il ritiro dalle vecchie

Le relazioni di interdipendenza ineguale che governano le relazioni di tutti gli stati capitalisti, si formano attraverso una serie di unioni, organizzazioni e accordi internazionali e regionali che riflettono indirettamente la situazione dei rapporti di forza e che spesso diventano un terreno di competizione. Negli ultimi anni, oltre alle organizzazioni più note (es. ONU, NATO, UE, OSCE, WTO, G7, G20) guidate dagli USA, ne sono emerse di nuove, come i BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica), l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai [20], guidate dalla Cina, l’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva [21] e l’Unione economica euroasiatica [22], guidate dalla Russia.

Queste unioni, costituite sulla base del capitalismo monopolistico, nonostante i diversi proclami e le differenti “velocità”, hanno lo stesso carattere di classe. Sono associazioni di stati capitalisti e mirano a rafforzare il potere, la posizione economica e geopolitica delle borghesie che vi partecipano nella spartizione e ridistribuzione del mondo.

In condizioni in cui si intensifica la crisi capitalistica e la tendenza alla ridistribuzione del potere tra gli Stati capitalisti, alcuni di loro stanno attraversando gravi sconvolgimenti. Un tipico esempio sono i BRICS che si sono formati nel 2009 senza il Sudafrica, che ha aderito nel 2010, e sono partiti come una forma di cooperazione delle economie in più rapida crescita. Il 42% della popolazione mondiale e oltre il 26% dei territori del mondo si trovano nei 5 paesi che lo compongono, mentre questi 5 paesi rappresentano oltre il 25% del PIL mondiale. Hanno istituito la “Nuova Banca di sviluppo” nel tentativo di favorire piani di investimento congiunti, mentre hanno anche cercato di individuare obiettivi politico-economici comuni, come l’aumento del tasso di cambio delle proprie valute rispetto al dollaro USA. Nonostante questi sforzi congiunti, tuttavia, possiamo osservare crescenti e rilevanti contraddizioni reali, come il confronto tra Cina e India. Sotto Trump, la strategia statunitense di riavvicinamento con India e Brasile è diventata evidente, cercando di rompere la coesione di questa organizzazione.

Situazioni simili si verificano anche in altre organizzazioni, come l’Unione economica eurasiatica, dove nel periodo precedente gli interessi competitivi euro-atlantici hanno scelto Armenia, Bielorussia e Moldova come “anelli deboli”, utilizzando gli interessi e le aspirazioni delle borghesie di questi paesi e riuscendo, per il momento, a porre un freno ai piani di accelerazione dell’unificazione capitalista regionale, preparati dalla Russia.

Sia l’APEC (Asia-Pacific Economic Cooperation [23]) che l’ASEAN (Association of Southeast Asian Nations [24]) hanno incontrato difficoltà nel periodo passato, in cui stanno emergendo crescenti tensioni attorno alla posizione nei confronti delle rivendicazioni della Cina e del coinvolgimento degli Stati Uniti nella regione.

Esistono diverse associazioni regionali nel continente americano [25]. È caratteristico che l’ALBA (“Alleanza Bolivariana per i Popoli della nostra America” ​​[26]), che era un’alleanza di Cuba con i governi socialdemocratici emersi nei paesi dell’America Latina, sia stata significativamente indebolita dal riemergere del predominio di governi con orientamento filo-USA in America Latina. L’ALBA è stata particolarmente promossa dal governo venezuelano e da altre forze simili, che erano emerse con slogan socialisti di costruzione del “Socialismo del 21° secolo” e altre varianti simili di questo costrutto ideologico che ovviamente non aveva nulla a che fare con le leggi scientifiche della rivoluzione socialista e costruzione del socialismo. Questi governi, che avevano il sostegno di ampi strati popolari e della classe operaia in misura considerevole, in pratica hanno espresso gli interessi di segmenti della borghesia che cercano cambiamenti nella gestione del capitalismo e delle loro alleanze internazionali, avanzando come slogan di base la “sovranità nazionale” contrapposta all’imperialismo, che fondamentalmente identificano con gli USA. Questi sforzi sono stati sostenuti da Cina e Russia, qualcosa che non è passato inosservato da Stati Uniti e UE, che hanno utilizzato tutti i metodi, come il congelamento dei conti bancari governativi, guerre commerciali, sanzioni finanziarie e persino l’organizzazione o il sostegno di colpi di stato, per impedire piani concorrenti e causare sconvolgimenti politici a loro convenienti. Il nostro partito ha denunciato queste azioni condotte dagli imperialisti euro-atlantici, ha espresso la sua solidarietà prima di tutto ai PC dei paesi latinoamericani, nonché ai lavoratori e ai popoli della regione, che hanno il diritto di determinare il loro futuro senza interventi stranieri e allo stesso tempo ha evidenziato come solo il potere dei lavoratori, e non la gestione del capitalismo, può assicurare prosperità e sovranità popolare.

L’obiettivo statunitense di rimanere al timone e il nuovo bipolarismo emergente con la Cina stanno portando gli USA a riallineare le loro alleanze, a rivedere gli accordi, a ristrutturare le organizzazioni internazionali e a paralizzare quelle che non possono utilizzare per i loro piani. È caratteristico il modo in cui gli Stati Uniti hanno utilizzato l’Organizzazione degli Stati americani negli ultimi anni come arma politica nella regione [27].

Allo stesso tempo, c’è una sequenza di ritiri degli Stati Uniti da vari accordi e organizzazioni internazionali. Quindi, possiamo notare come gli Stati Uniti negli ultimi anni si sono ritirati da quanto segue. Inizialmente, nel 2002, sotto George W. Bush, dal Trattato sui missili balistici (ABM), che è stato firmato con l’URSS nel 1972. Nel 2017 dall’UNESCO. Nel 2018 dall’accordo nucleare iraniano, firmato nel 2015. Nel 2017 si è ritirato dal Trans-Pacific Partnership (TPP), ma ha anche congelato i colloqui sul Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) con l’Unione Europea. Nel 2018, pur esercitando pressioni affermando che si sarebbe ritirato dal NAFTA, firmato nel 1994, è riuscito a sostituirlo con USMCA [28]. Nel 2019 dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF), firmato nel 1987. Nel 2019 dall’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. Nel 2020 dal “Treaty on Open Skies” [29], firmato nel 1992. Tutti i dati finora mostrano che anche il Trattato di riduzione delle armi strategiche (START III), firmato nel 2010 come continuazione dei precedenti accordi (1972, 1979, 1993 e così via) e che scadrà nel febbraio 2021, non sarà rinnovato sotto la responsabilità degli Stati Uniti. Inoltre, ha annunciato che sta valutando la possibilità di procedere a nuovi test nucleari, in violazione del relativo Accordo internazionale del 1963.

Quindi possiamo vedere che vari processi di cambiamento degli attuali rapporti di forza tra i paesi capitalisti, specialmente tra quelli al “vertice” della “piramide” imperialista, portano a riallineamenti e ripianificazioni di trattati e di organizzazioni internazionali.

Potenti organizzazioni interstatali sono diventate un mantello per promuovere gli interessi degli Stati Uniti, della NATO e di altre forze imperialiste. All’interno di queste organizzazioni si stanno verificando scontri e compromessi temporanei tra le potenti forze imperialiste. Quando non è possibile raggiungere compromessi, seguono patti, minacce e persino ritiri da vari accordi, come dimostrato dalla posizione degli Stati Uniti e di altri paesi, come la Russia, che ha apportato modifiche costituzionali per garantire la supremazia del diritto nazionale contro il diritto  e i regolamenti internazionali, qualcosa di simile alla posizione degli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti, nel tentativo di garantire la propria supremazia nel sistema imperialista, cercano di adattare ai propri interessi la rete di organizzazioni e accordi internazionali che governano l’interdipendenza diseguale degli stati capitalisti. È caratteristico che il presidente uscente degli Stati Uniti abbia persino cercato di modificare l’attuale composizione del Gruppo dei Sette paesi capitalisti più potenti (USA, Giappone, Canada, Francia, Regno Unito, Italia, Germania), considerando che è “obsoleta” e che l’Australia , Corea del Sud, India e Russia dovrebbero essere invitate, nel tentativo di forgiare una nuova alleanza anti-cinese. Quindi, ribadendo che un’enfasi speciale è data alla regione indo-pacifica e allo sforzo di collegare l’India ai piani degli Stati Uniti, in un contesto di inasprimento delle relazioni Cina-India, assieme a Giappone e Australia.

Tre illusioni su organizzazioni internazionali e diritto internazionale

1) Il “ritiro degli Stati Uniti” e il “vuoto di potere” nel mondo. Varie forze borghesi e opportuniste interpretano il ritiro degli Stati Uniti da una serie di accordi internazionali, o la riduzione della presenza militare statunitense in alcuni paesi, come l’Iraq e l’Afghanistan, come un “ritiro degli Stati Uniti” e un “vuoto di potere” nel mondo, riempito da altre forze. I “fan” della PAX AMERICANA hanno infatti celebrato l’elezione del “democratico” Joe Biden alla presidenza degli Stati Uniti, stimando che “finalmente gli USA stiano tornando alla ribalta”.

Questa è un’interpretazione della realtà completamente sbagliata; gli Stati Uniti non hanno bisogno di nessun “ritorno” innanzitutto perché non sono mai usciti! Gli Stati Uniti, ad esempio, nel recente passato hanno rafforzato la propria presenza militare in Grecia, Polonia, Baltico, Sud-Est asiatico, Balcani, ecc., mentre l’hanno ridotta altrove. Pertanto, il riadeguamento degli obiettivi statunitensi o dei “legami” ai quali gli Stati Uniti attribuiscono importanza, vengono erroneamente interpretati come un “ritiro” più generale. In particolare, questo non si applica all’influenza politica degli Stati Uniti. Un esempio molto tipico nella nostra regione è come l ‘”Accordo di Prespa” (trattato siglato nel giugno 2018 tra Grecia e Repubblica della Macedonia del Nord riguardo le controversie sul nome proprio di quest’ultima N.d.T.) è stato raggiunto sotto l’intervento degli Stati Uniti, in modo che il paese aderisse alla NATO. Inoltre, sono stati gli USA a procedere con il nuovo piano per la Palestina, che è la pietra tombale sulla soluzione dei due Stati.

Allo stesso tempo la tendenza al mutamento dei rapporti di forza, che è associata all’ascesa di altre forze imperialiste, riduce chiaramente o in una certa misura complica i piani degli Stati Uniti, come si è visto nell’esempio della Siria. Tuttavia, ciò non è solo dovuto agli Stati Uniti, ma al rafforzamento di altre forze che promuovono i propri interessi.

Parallelamente, il ritiro degli Stati Uniti da una serie di accordi internazionali, di cui sopra, ha il chiaro obiettivo di riallineare le alleanze imperialiste in suo favore, in un ambiente in cui la concorrenza inter-imperialista forma “sabbie mobili”.

2) Invocazione dell’ONU e diritto internazionale. Il diritto internazionale per come lo conoscevamo, quando esistevano l’URSS e altri paesi socialisti era il risultato dei rapporti di forza globali tra quei paesi e quelli capitalisti, non esiste più. Oggi si forma sulla base degli attuali rapporti di forza tra le forze imperialiste. Sfortunatamente, vari partiti comunisti continuano a invocare ad es. l’ONU e la sua Carta, come se vivessimo 50 anni fa. Come se, ad esempio, l’accordo Onu con la NATO, secondo cui l’Onu affida alla NATO il lancio di operazioni imperialiste, come quella avvenuta nel 2011 in Libia, non esistesse. Come se la Carta delle Nazioni Unite non fosse interpretata come meglio credono. Un tipico esempio è l’interpretazione dell’articolo 51 (relativo al diritto di un paese all’autodifesa contro gli attacchi armati), invocato dalla Turchia per invadere la Siria e che attualmente occupa il 10% del territorio siriano. Il caso della Turchia al fianco dell’Azerbaigian nel conflitto Armenia-Azerbaigian raggiunge il punto di assurdità, poiché la Turchia invoca il diritto internazionale e la necessità di ripristinare la sua “integrità territoriale”, mentre in altri tre casi (Cipro, Siria, Iraq) ha violato questo principio invadendo e occupando terre straniere e frammentando altri paesi.

Pertanto, oggi il diritto internazionale sta diventando più reazionario e viene utilizzato dalle forze imperialiste come meglio ritengono opportuno [30] nel quadro della loro competizione, a spese dei popoli. Noi comunisti dobbiamo lottare contro le opinioni che oscurano questo fatto.

3) Il recupero del dibattito sull’“architettura democratica” delle organizzazioni internazionali. Mentre gli sviluppi dissipano le illusioni promosse da varie forze borghesi e opportuniste che la “globalizzazione delle economie” presumibilmente conduca a un sistema globale in cui tutti i problemi saranno risolti “pacificamente” dal diritto internazionale e dalle organizzazioni internazionali, allo stesso tempo la ricerca di soluzioni di una “riforma democratica” delle organizzazioni internazionali non si attenua, a partire dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu che sta assimilando ad esempio l’India e altri grandi paesi che attualmente non sono suoi membri permanenti. Tali proposte sono presentate come una barriera all’azione delle “forze imperialiste più aggressive” e come un passo verso il predominio di un “mondo multipolare”.

Tali percezioni, indipendentemente dalle intenzioni, abbelliscono ideologicamente la barbarie imperialista internazionale, poiché ritengono che possa essere cambiata senza il necessario rovesciamento del capitalismo. Respingono la concezione leninista dell’imperialismo, separando l’economia dalla politica. Secondo queste forze, l’imperialismo è l’azione politica e militare delle forze più “aggressive” contro la “sovranità nazionale” di altri paesi. Ignorano così il fatto che è la competizione monopolistica che porta a guerre e interventi militari imperialisti, e non alcune “forze più aggressive”. Questa competizione si svolge utilizzando tutti i mezzi a disposizione di ogni potenza capitalista in ogni paese e naturalmente si riflette negli accordi interstatali e nelle varie alleanze. All’interno di queste alleanze, le borghesie cedono una parte della sovranità nazionale e dei diritti sovrani dei loro paesi per assicurarsi il potere, aspettandosi sempre nuovi profitti. Allo stesso tempo stanno usando mezzi militari, poiché “la guerra è la continuazione della politica con mezzi violenti”.

La forza militare nel mondo delle contraddizioni inter-imperialiste

In condizioni di crescente concorrenza tra gli stati capitalisti, la forza militare di ciascuna borghesia sta diventando sempre più rilevante. L’esempio della Russia e dell’intervento militare in Siria è paradigmatico. La Russia è attualmente classificata, sulla base di diverse stime, tra il 7 ° e il 12° posto nel mondo in termini di forza economica. Allo stesso tempo, avendo un notevole potere militare, è stata in grado di rovinare i piani di forze economicamente molto più potenti in Siria, dove sono in gioco importanti interessi economici e geopolitici della borghesia russa.

Vediamo che la spesa militare globale nel 2019 è stata stimata in 1.917 trilioni di dollari, il 2,2% del PIL globale, con un aumento del 3,6% rispetto al 2018 e del 7,2% rispetto al 2010, per il terzo anno consecutivo, principalmente a causa delle spese e delle operazioni militari statunitensi e cinesi. Le vendite internazionali di armi sono aumentate del 7,8% nel periodo 2014-2018, o del 20% se comparate al periodo 2005-2009. L’Asia e il Medio Oriente sono stati i principali importatori mondiali.

Nel 2019, la spesa militare degli Stati Uniti, che rimane la potenza militare più forte al mondo, è stata stimata in 732 miliardi di dollari, seguita da Cina (261 miliardi di dollari), India (71,1 miliardi di dollari), Russia (65,1 miliardi di dollari) , Arabia Saudita ($ 61,9 miliardi), Francia ($ 50,1 miliardi), Germania ($ 49,3 miliardi), Regno Unito ($ 48,7 miliardi), Giappone ($ 47,6 miliardi) e Corea del Sud ($ 43,9 miliardi) [31]. Nel 2019, la spesa militare totale di tutti i 29 Stati membri della NATO è stata di 1.035 miliardi di dollari.

Nel periodo 2015-2019, gli Stati Uniti sono rimasti i primi nelle esportazioni di armi, rappresentando il 36%, seguiti da Russia, Francia, Germania e Cina.

Un elemento chiave del potere militare delle forze militari più potenti sono le loro armi nucleari. Pertanto, le forze nucleari continuano a modernizzare il loro arsenale nucleare, sostituendo le vecchie testate. Le 9 potenze nucleari (USA – possessore di 5800 testate nucleari, Russia – 6375, Regno Unito – 215, Francia -290, Cina – 320, India – 150, Pakistan – 160, Israele – 90, Corea del Nord 30-40), hanno un totale di 13.400 armi nucleari, il 90% delle quali appartengono a Stati Uniti e Russia.

Nell’ottobre 2018, gli Stati Uniti hanno annunciato il loro ritiro dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF), firmato con l’Unione Sovietica nel dicembre 1987. In quegli anni, un gran numero di missili con una gittata di 500-5.000 chilometri è stato ritirato. Tuttavia, gli Stati Uniti si sono ritirati dall’INF con il pretesto dei missili russi 9m729 (SSC-8), accusando la Russia di aver schierato dal 2016 circa 100 missili di questo tipo. Dall’altro lato la controparte russa nega le accuse, rilevando che questi specifici missili modernizzati hanno una gittata inferiore a 500 chilometri e incolpa gli Stati Uniti per aver installato lo “scudo antimissile” in Polonia e Romania usando i lanciatori Mk-41, che possono essere utilizzati per lanciare missili offensivi a lungo raggio [32].

La competizione si sta intensificando ed entrambi i paesi annunciano cambiamenti nella loro dottrina militare “nucleare”, mentre le autorità russe stanno ora parlando della costruzione di armi ipersoniche. Allo stesso tempo, stiamo assistendo a lamentele da entrambe le parti su nuovi tipi di armamenti, come i laser o le armi per il cambiamento climatico, e nuovi ambiti di utilizzo, come lo spazio.

Gli Stati Uniti intendono includere la Cina in un accordo di controllo e contenimento nucleare, considerandola un pericoloso concorrente, mentre la questione principale delle armi nucleari in esame è la capacità di “primo colpo”.

Il nuovo trattato di riduzione delle armi strategiche, firmato nel 1991, è stato rinnovato nel 2010 e scadrà nel 2021.

Un importante “strumento” nella pianificazione militare per le forze più potenti sono le basi militari fuori dai loro confini, dove gli USA sembrano avere oltre 700 basi per usi diversi, in tutto il mondo. Anche Gran Bretagna, Francia, Russia, Italia, Turchia, Cina, Giappone e India hanno basi all’estero.

Naturalmente, ci sono molti fattori da considerare nella classificazione di una potenza militare, che vanno oltre le armi nucleari. Inoltre, la potenza militare di un paese non è determinata unicamente dalla sua spesa militare totale e dal mercato delle armi. I fattori che devono essere presi in considerazione sono la dimensione delle forze militari, la superiorità tecnologica, una forte industria della difesa, la possibilità di addestramento e riqualificazione nell’arte della guerra e nelle sue nuove tecnologie, la costante modernizzazione delle attrezzature militari e un alto livello di know-how che con alcuni tipi di armi richiede molti anni di ricerca e grandi spese, l’esistenza di basi fuori dai confini in combinazione con il controllo di territori strategicamente importanti, la capacità di raccogliere informazioni, la capacità di condurre una guerra non ortodossa, ecc. Chiaramente il potere militare dipende dal potere economico, sebbene di per sé, come si può vedere da quanto sopra, non indichi automaticamente il potere militare.

Le stime dell’attuale classifica tra i 20 paesi militari più forti sono le seguenti: 1) USA, 2) Russia, 3) Cina, 4) India, 5) Giappone, 6) Corea del Sud, 7) Francia, 8) Regno Unito , 9) Egitto, 10) Brasile, 11) Turchia, 12) Italia, 13) Germania, 14) Iran, 15) Pakistan, 16) Indonesia, 17) Arabia Saudita, 18) Israele, 19) Australia, 20) Spagna. In base a questa valutazione, la Grecia è al 33 ° posto. [33]

Va notato che le operazioni militari, le missioni imperialiste e le guerre sono nel DNA del capitalismo. Le dichiarazioni pacifiste e le richieste del tipo “per fermare la guerra” sono inutili e disorientano il movimento quando non sono accompagnate da misure specifiche, com’era per esempio già ai tempi di Lenin con la lotta alle spese militari nei bilanci degli stati borghesi, la lotta alle basi straniere, il deposito di armi nucleari, contro l’invio di forze militari all’estero e, ovviamente, senza l’obiettivo del ritiro dei paesi dai piani e dalle organizzazioni imperialiste. Il KKE, ad esempio, ha dimostrato che in condizioni di capitalismo, la partecipazione del paese alla NATO, anche l’acquisto di cosiddette “armi di difesa”, come i sistemi anti-aerei – anti-balistici “Patriot”, possono essere utilizzati per scopi offensivi. Questo è stato il caso del dispiegamento di missili antiaerei “Patriot” delle forze armate greche in Arabia Saudita come parte dei piani offensivi degli Stati Uniti contro l’Iran, o del dispiegamento di navi da guerra nello Stretto di Hormuz, mentre si deliberava lo schieramento di forze in Mali [34], dove alla guerra partecipano forze francesi e di tutto il mondo, ecc.

Purtroppo ci sono partiti comunisti che partecipano a vari governi “di sinistra”, come il PC brasiliano o il PC spagnolo, che in nome della “difesa” e del “patriottismo” hanno sostenuto e votato per le spese militari e ai vari pretesti che i governi borghesi hanno usato per le missioni imperialiste fuori dai loro confini, come nel caso del PC francese.

La partecipazione della borghesia greca agli antagonismi

La borghesia greca, come ogni classe borghese, si sforza di migliorare la sua posizione geopolitica. Ritiene che ciò possa essere ottenuto attraverso la modernizzazione e una maggiore adesione e un ruolo più attivo nei piani più ampi definiti dalle relazioni sviluppate tra gli Stati Uniti, la NATO e l’UE nella regione. Pertanto, partecipa attivamente ai corrispondenti piani politico-militari. Questi obiettivi sono espressi, nonostante le differenze individuali, dai partiti borghesi e dai loro governi, sia del socialdemocratico SYRIZA prima, sia del liberale ND oggi.

La borghesia greca aspira a migliorare la sua posizione nei Balcani e nel Mediterraneo sud-orientale, dove ha grandi interessi economici. Si è proceduto, con il governo SYRIZA, all'”Accordo di Prespa” per aprire la strada all’adesione di un altro Paese alle organizzazioni imperialiste NATO-UE, e di fatto, mantenendo – come valuta il nostro Partito – il “seme” dell’irredentismo, che nel tempo può causare nuove difficoltà ai popoli. Si adopera per la cooperazione nello sfruttamento delle risorse energetiche del Mediterraneo orientale per la loro canalizzazione verso i mercati europei, attraverso il gasdotto EastMed, nonché per la costruzione di gasdotti nella Grecia settentrionale, da cui il gas liquefatto statunitense, che arriverà in Grecia, sarà canalizzato in altri paesi europei. Tutto questo fa parte del piano europeo di “svezzarsi” dal gas naturale russo.

Cerca di fare del paese un centro tecnologico, energetico e finanziario a sostegno dei piani euro-atlantici nella regione. L’utilizzo dei cantieri navali greci per le esigenze della Sesta flotta statunitense, i porti di Alexandroupolis e Kavala per il trasporto di gas naturale liquefatto e gli investimenti di potenti gruppi statunitensi nel campo dell’informatica in Attica sono tutti parte integrante di questo obbiettivo. Allo stesso tempo, sta cercando di gestire la risposta degli Stati Uniti agli investimenti della Cina nelle infrastrutture portuali nazionali e nel settore della trasmissione di energia elettrica.

Il governo SYRIZA ha promosso il cosiddetto “Dialogo strategico Grecia – USA”, che ha costituito l’impalcatura per le questioni economiche, politiche e militari, con la revisione cruciale e l’espansione dell’accordo greco-USA sulle basi.

Questa pianificazione è proseguita ed è stata completata dal governo di ND con l’accordo con gli USA, che prevede l’ulteriore potenziamento della base di Souda e la creazione di basi per i droni a Larissa, di elicotteri a Stefanovikeio, e il porto di Alexandroupolis che rappresenta un collegamento notevolmente potenziato per i piani statunitensi, mantenendo la base per il radar volante AWACS ad Aktio, Preveza, e modernizzando la base ad Araxos per “ospitare” armi nucleari.

In pratica, è stata creata una rete di basi militari che copre geograficamente tutte le regioni del Paese, trasformando la Grecia nel punto di partenza per l’attuazione dei piani imperialisti. Con lo stazionamento di jet da combattimento ed elicotteri, l’ormeggio di portaerei, sottomarini nucleari, cacciatorpediniere NATO e USA, infrastrutture di telecomunicazioni-spionaggio, depositi di carburante, strutture di accoglienza delle forze di terra, per circondare la Russia e per il trasporto verso vari hotspot di guerra in connessione con le basi e le infrastrutture statunitensi nella regione del Medio Oriente, nei Balcani e le basi britanniche a Cipro, con possibilità di lanciare attacchi nucleari da Araxos.

L’accordo greco-statunitense consente alle forze statunitensi di essere dislocate e utilizzate presso tutte le unità dell’esercito greco, con molteplici conseguenze per il loro ruolo e orientamento, come parte integrante dell’esercito NATO.

In pratica, il coinvolgimento del paese nei piani imperialisti si sta approfondendo e si sono già creati enormi rischi che il nostro popolo venga preso di mira. Russia e Iran avvertono che se la loro sicurezza venisse messa in pericolo dalle basi statunitensi, queste verranno bombardate con i missili.

L’aggressione della borghesia greca è evidente anche dall’invio di forze militari greche in dozzine di missioni imperialiste all’estero.

Il tentativo di giustificare le missioni delle forze greche all’estero con la scusa di aderire alle decisioni dell’ONU, dell’UE e della NATO è una provocazione sostenuta da tutti i partiti borghesi, sia dal governo di ND che da quello di SYRIZA.

L’adesione della Grecia alla NATO e all’UE e il rafforzamento delle relazioni con gli Stati Uniti è una scelta strategica di tutti i partiti borghesi, un elemento chiave del suo allineamento strategico.

L’obiettivo della borghesia di creare un “asse” con Israele, Egitto e Cipro rafforza il coinvolgimento del paese nelle contraddizioni che hanno a che fare con le alleanze a cui partecipa. Tanto più mentre lo stato di Israele è la forza di occupazione della Palestina e sta assassinando il suo popolo, è in conflitto con l’Iran, sta occupando e bombardando territori siriani, mentre l’Egitto è coinvolto nella guerra in Libia e ha aspirazioni generali nel regione. L’euforia che si coltiva non ha fondamento, mentre in ogni caso i monopoli energetici che si impadroniranno del gasdotto EastMed non porteranno benefici al nostro o ad altri popoli.

Il nostro partito condanna la partecipazione attiva della borghesia greca a queste rivalità e sottolinea che sta coinvolgendo il paese in sviluppi pericolosi, in situazioni sanguinose contro altri popoli, mentre la classe operaia e gli strati popolari diventano ostaggi delle guerre imperialiste. Allo stesso tempo, il nostro Partito ha superato una percezione che aveva in passato, ma che purtroppo rimane forte nelle file di molti partiti comunisti che considerano la partecipazione dei loro paesi ai piani imperialisti un risultato della “sottomissione” del governo borghese o di qualche “servitore di interessi stranieri”, una sezione “compradora” della borghesia del paese “trascinata” dagli imperialisti americani in piani stranieri. Il KKE ritiene che la partecipazione del nostro paese ai piani imperialisti non avvenga per ragioni di “essere un servitore di interessi stranieri” da parte della borghesia e dei suoi governi, ma perché la borghesia ha interessi che possono essere serviti solo attraverso la sua partecipazione alle organizzazioni e ai piani imperialisti. È fuorviante dividere la borghesia in “patriottica” e “compradora”, e le contraddizioni che possono sorgere non hanno nulla a che fare con il patriottismo o con il “ruolo di servitore volontario” di parti di esso, ma con le misure e il modo di gestire il sistema, con l’aumento della redditività di un ramo o un altro, e con la classe dirigente nel suo complesso.

Allo stesso tempo, il nostro Partito, contrariamente a quanto avviene in alcuni altri paesi e in alcune forze di “sinistra” o partiti comunisti, non “condivide” la visione che la classe borghese e i suoi partiti coltivano in nome dell’unità nazionale, la visione di “migliorare” la posizione internazionale del Paese. Prima di tutto, crediamo che non possa esserci unità nazionale con coloro che sfruttano la classe operaia e gli altri strati popolari. Gli interessi della borghesia si muovono in direzioni diametralmente opposte rispetto agli interessi della classe operaia e non può esserci unità nazionale tra di loro.

Nel programma del partito riteniamo che la Grecia si trovi “in una posizione intermedia nel sistema imperialista internazionale, con forti e diseguali dipendenze dagli Stati Uniti e dalla UE” [35]. Tuttavia, il nostro partito non può lottare per il “miglioramento” della posizione del paese al fine di ridurre le dipendenze, per rafforzare l’unità nazionale, come alcune altre forze comuniste considerano come un primo passo verso il socialismo. Prima di tutto, osserviamo dagli sviluppi stessi che il “miglioramento” della posizione del paese è accompagnato dal suo coinvolgimento sempre maggiore nelle organizzazioni imperialiste. Ma, anche nel caso teorico estremo, in cui una Grecia capitalista lasciasse la NATO, l’UE, l’alleanza strategica con gli Stati Uniti, rimarrebbero dozzine di “fili” della sua interdipendenza con gli altri paesi capitalisti, a causa dell’internazionalizzazione del capitalismo, un fenomeno descritto anche da Marx. Una Grecia dove la borghesia continuerà a tenere le “redini” dell’economia e del potere, che sfrutterà il popolo greco, ma anche altri popoli, da posizioni più forti di oggi, in nome del rafforzamento della “sovranità”, non è affatto in linea con l’obiettivo del KKE. Il nostro partito crede che la dipendenza diseguale del nostro paese dagli Stati Uniti, dall’UE, dal resto del mondo capitalista, possa essere abolita solo quando prevarrà il potere dei lavoratori nel nostro paese, e sta lottando per questo obiettivo.

I pericoli della guerra nell’Egeo e il cosiddetto “co-sfruttamento”

Le relazioni tra la borghesia greca e quella turca, dove ciascuna cerca di migliorare la propria posizione, hanno portato ad un aumento del rischio di guerra nell’Egeo e nel Mediterraneo orientale.

Lo stato borghese della Turchia è diventato uno dei 20 stati capitalisti più potenti del mondo e della NATO, e cerca di migliorare ulteriormente la sua posizione a livello regionale e globale. Attualmente ha invaso e mantiene truppe di occupazione in 3 paesi, ha basi militari nei Balcani, in Medio Oriente e in Africa, è apertamente coinvolto nella guerra civile libica e nel conflitto del Nagorno-Karabakh. Cerca e utilizza dogmi religiosi, gruppi minoritari, comunità linguistiche, caratteristiche culturali, ecc. Nei suoi piani in varie regioni (Balcani, Crimea, Asia centrale, Medio Oriente). La borghesia turca nel suo insieme mira a rafforzare il proprio ruolo, tuttavia al suo interno ci sono differenziazioni riguardo ai mezzi e alle alleanze internazionali necessarie. Nel contesto del dogma politico “neo-ottomano”, che è stato scelto come “veicolo” dei suoi interessi dalla sezione dominante della borghesia turca, appare come un “difensore” del popolo palestinese, assieme alle classi dirigenti di Egitto e Arabia Saudita. Cercando di contrattare da posizioni di potere con gli Stati Uniti, la NATO e la UE sta sviluppando relazioni multiformi con la classe dirigente russa ed è stata dotata dei sistemi missilistici antiaerei/antibalistici russi S-400, che potrebbero portare a significativi cambiamenti nei rapporti di forza militari nell’Egeo.

Le relazioni delle borghesie di Grecia e Turchia, a seconda della situazione, si distinguono per la ricerca della cooperazione e della concorrenza, tuttavia i popoli dei due paesi non beneficiano di queste relazioni.

Negli ultimi anni l’aggressione turca si è intensificata con la disputa dei confini nell’Egeo e nell’Evros (regione di confine terrestre tra Grecia e Turchia N.d.T.), la messa in discussione della sovranità greca di dozzine di isole dell’Egeo, il tentativo di rivendicare una sezione della piattaforma continentale greca e della ZEE, che secondo la Convenzione sul Diritto del Mare non le appartiene. In questa direzione è arrivata la dichiarazione dello stato turco della cosiddetta “Patria Blu”, la firma dell’inaccettabile patto turco-libico con l’autorità fantoccio della Libia, che viola i diritti sovrani della Grecia, nonché l’aumento dei voli sulle isole greche, delle esercitazioni militari,  delle ricerche o perforazioni nel Mediterraneo orientale, nelle aree della piattaforma continentale greca e nella ZEE greca, di Cipro, gli arresti di soldati in Evros, l’agitazione di questioni legate alle minoranze, lo sfruttamento dell’immigrazione e dei rifugiati come “strumento” per i propri interessi.

In queste circostanze, la mediazione e l’arbitrato USA-NATO stanno “guardando e aspettando’” mentre la posizione turca per il co-sfruttamento, la co-gestione dell’Egeo, per la soluzione “vantaggiosa per tutti” sostenuta da Stati Uniti e NATO, è tornata sul tavolo. Al tempo stesso viene esaminata la possibilità di co-sfruttamento, cogestione delle zone marittime cipriote con la Turchia. Questo co-sfruttamento non riguarda la prosperità dei popoli, ma la redditività dei monopoli e “mina” il futuro dei due popoli, oltre che dell’ambiente.

Il nostro partito difende i diritti sovrani del paese dal punto di vista della classe operaia e degli strati popolari come parte integrante della lotta per il rovesciamento del potere del capitale. Ha avvertito i lavoratori che, nelle attuali circostanze, i governi borghesi e le alleanze imperialiste non possono garantire questi diritti, in un momento in cui il diritto internazionale viene riscritto dagli imperialisti e il Tribunale dell’Aja opera all’interno di una rete di espedienti politici. La pace, la sicurezza dei popoli non può essere garantita in questo contesto. La lotta dei due popoli deve essere orientata all’eliminazione della causa che dà origine a contraddizioni, conflitti e guerre, verso il rovesciamento del potere del capitale e all’uscita dalle associazioni imperialiste.

Il KKE, che è fermamente orientato allo sviluppo dell’amicizia, della solidarietà internazionalista tra la classe operaia e i popoli dei due paesi, ha stabilito strette relazioni con il PC di Turchia, mirando a rafforzare la lotta antimperialista del movimento operaio e popolare in entrambi i paesi, contro la borghesia e contro la partecipazione e il coinvolgimento greco-turco ai piani imperialisti, per l’inviolabilità dei confini e per il loro disimpegno dalle organizzazioni e dalle alleanze imperialiste di NATO e UE, che sono una fonte permanente di conseguenze negative per i popoli.

Il contesto e gli sviluppi internazionali, come aspetto della lotta ideologico-politica nel movimento comunista internazionale

Nelle file del movimento comunista internazionale (ICM) è in corso una feroce lotta ideologico-politica su una serie di questioni. Un aspetto importante di questo è la gestione della situazione e degli sviluppi internazionali. È caratteristico che la crisi capitalistica internazionale, in cui la pandemia ha agito anche da catalizzatore, sia interpretata da alcuni partiti come il risultato della pandemia o di una delle forme di gestione del capitalismo, del neoliberismo, assolvendo così la socialdemocrazia e il modo di produzione capitalistico nel suo insieme, responsabile di tali crisi.

Su molte delle questioni che sono state presentate nelle pagine precedenti è in corso una lotta. Tuttavia, se vogliamo riassumere brevemente, possiamo dire che le questioni chiave sono l’approccio al capitalismo moderno, la comprensione dell’imperialismo e le leggi della rivoluzione e della costruzione socialista.

Prevalgono le opinioni sulla resilienza del capitalismo, sulle possibilità di una sua “umanizzazione” e “democratizzazione”, sull’uso delle sue conquiste tecnologiche a beneficio delle forze popolari con l’intervento politico attivo dei PC anche a livello governativo. Su questo terreno, nei PC si riproducono posizioni sull’unità della sinistra, delle forze democratiche o patriottiche, sulla cooperazione con la socialdemocrazia di sinistra, sui governi di centro sinistra, sui nuovi antifascisti e fronti anti-neoliberisti , ecc.

L’errata identificazione dell’imperialismo con gli Stati Uniti o con una generica politica aggressiva, o solo con pochi potenti paesi capitalisti, senza nemmeno tener conto degli attuali riassetti, può portare a opinioni tragicomiche, come ad esempio considerare Erdoğan, il presidente dello stato borghese turco come “antimperialista”, o non considerare la Russia una potenza imperialista, ma una debole “periferia” del sistema capitalista mondiale, che può anche svolgere un “ruolo antimperialista”.

Queste sono grandi confusioni ideologiche e politiche che sono molto lontane dalla concezione leninista dell’imperialismo.

Quanto sopra si combina anche con la discordia sulle leggi economiche e politiche della rivoluzione socialista e della società comunista, sull’interpretazione della costruzione socialista-comunista nel XX secolo e sulle cause del rovesciamento controrivoluzionario. In un certo numero di PC viene formulata la posizione opportunista che in Cina “il socialismo si costruisce con caratteristiche cinesi”, in un misurato compromesso con il capitale, che insieme alla Russia gioca un ruolo positivo negli sviluppi internazionali. Questo approccio, che costituisce una separazione della politica dall’economia, e si contrappone direttamente alla concezione leninista dell’imperialismo. Questo perché l’imperialismo è il capitalismo monopolistico. Non può esserci imperialismo “pacifico” o “non aggressivo”, così come non possono esserci monopoli “filantropici”. Qualunque posizione positiva che può essere presa da uno o da un altro potente stato capitalista, come Russia e Cina, su qualunque questione internazionale, ad esempio l’adesione ai principi del diritto internazionale o contro la revisione dell’esito della seconda guerra mondiale, è dovuta esclusivamente al servizio dei propri interessi, approfittando delle sue relazioni diplomatiche di lunga data dal periodo del suo sforzo di costruzione socialista, che vengono proseguite in una certa misura, al fine di mantenere, rafforzare o stabilire alleanze. In ogni caso non possiamo deviare da questa realtà e riciclare valutazioni errate che il PCUS aveva e che sono state riprodotte dal movimento comunista internazionale in passato, di “coesistenza pacifica e rivalità” in condizioni di imperialismo e altre percezioni utopiche e infondate dei “sistemi di sicurezza”.

Per il nostro partito lo studio della costruzione socialista in URSS è un risultato importante – una base anche per le questioni di cui sopra, compreso il nostro approccio critico alle decisioni del XIX° e XX° congresso e la svolta opportunistica che ne è seguita. Tuttavia, la maggior parte dei PC, che non hanno condotto studi così rilevanti, sono molto confusi sul carattere della Cina, della Russia e di altri stati odierni che fanno parte del sistema imperialista. Ciò può avere conseguenze tragiche per la loro posizione sulla questione della guerra nell’era dell’imperialismo, dove il movimento comunista, mantenendo un fronte stabile contro i centri imperialisti di Stati Uniti, NATO, UE, non dovrebbe farsi trascinare dalla parte di nessuna forza imperialista, ma deve difendere costantemente gli interessi della classe operaia in conflitto con la borghesia, non dovrebbe scegliere una “bandiera straniera” sotto la pressione di forze piccolo borghesi, ma nemmeno le pressioni nazionaliste sulla classe operaia.

I comunisti devono rafforzare il fronte, sia contro la concezione del cosmopolitismo, che adotta un approccio non di classe nei confronti delle alleanze internazionali della borghesia (UE, NATO, BRICS, ecc.), sia contro il nazionalismo, la “purezza razziale della nazione e della cultura” e altre concezioni razziste, sviluppate nei confronti di rifugiati e immigrati.

Ogni PC ha la responsabilità di studiare gli sviluppi internazionali sulla base della visione del mondo marxista-leninista. Trarre conclusioni e informare i lavoratori nel proprio paese e all’estero. Mantenere un fronte contro le forze borghesi e opportuniste sulle questioni internazionali o su quelle che vengono etichettate come “questioni nazionali”. Coordinare la sua azione con gli altri partiti comunisti e operai, sforzandosi di tracciare una moderna via rivoluzionaria all’interno del movimento comunista internazionale, che corrisponda al carattere del nostro tempo, un tempo di transizione dal capitalismo al socialismo.

[1]      V.I. Lenin, Collected Works, vol. 27, p.424

[2]     According to a report of Ericsson Consumer & IndustryLab by 2030 the global size of the 5G network market will reach $ 31 trillion.

[3]     People’s Daily, http://russian.people.com.cn/n3/2019/0306/c31518-9553049.html

[4]     Source: https://www.rbc.ru/business/15/10/2015/561fa1f19a7947fb43faa086

[5]      Li Keqiang, “Report on the government’s work” at National People’s Congress– Source: http://russian.people.com.cn/n3/2020/0605/c95181-9697762.html

[6]      Sources: https://regnum.ru/news/society/2972959.htmlhttps://www.vedomosti.ru/economics/articles/2020/06/16/832721-kitayu-borba-bednostyu

[7]                    There is a huge increase e.g. in private medical companies taking advantage of the need of employees for contemporary health benefits. From 2005 to 2016 the number of beds in private clinics increased from 6% to 22%. Source: https://carnegie.ru/commentary/81082

[8]      Source https://aif.ru/society/healthcare/kolichestvo_vrachey_v_raznyh_stranah_infografika

[9]      Source, World Bank: https://data.worldbank.org/indicator/SI.POV.UMIC

[10]     See: The international role of China: http://inter.kke.gr/en/articles/The-International-role-of-China/

[11]    V.I. Lenin, Collected Works, vol.44, p. 310 9th All-Russian Congress of Soviets

[12]    For the economic background of the contradictions, see the  article: “In the face of the new economic crisis: green new deal or socialism?”, Makis Papadopoulos, Kommounistiki Epitheorisi issue 4-5 / 2020

[13]   European Parliament resolution of 15th  January 2020 on the implementation of the Common Security and Defense Policy – annual report.

[14]    PESCO was established in December 2017 with the participation of 25 EU Member States including Greece.

[15]    The “European Intervention Initiative” was announced by France in June 2018 and involves France, Germany, Denmark, the Netherlands, Estonia, Portugal, Spain, Belgium and Britain.

[16]   These are 16 missions, of which 6 are military. Its is deployed, among others, in Bosnia and Herzegovina, Iraq, Ukraine, Libya, Somalia, Mali, Kosovo, Niger, Georgia, Central African Republic.

[17]   The “European Semester” of the EU is a mechanism for monitoring the financial situation of the member sates and promoting reactionary restructuring and anti-labor measures.

[18]   See the amendment proposal on the EU budget for 2021 by Younous Omarjee and Dimitris Papadimoulis, on behalf of the GUE/NGL Group, 4/11/2020, A9-0206 / 2020.

[19]   The “European Communist Initiative” includes 30 Communist and Workers’ parties, which have agreed on a coherent ideological-political framework and seek to coordinate their struggle. However, even within the ECI, there is ideological and organizational heterogeneity. There are also ideological and political issues and confusions, which are based on the historical course and the formation of many CPs, the difficulties faced by many parties in developing a revolutionary strategy and its linking to the current class struggle under unfavorable non-revolutionary conditions, and in connecting their organized forces with the working class and its movement.

[20]   The Shanghai Cooperation Organization initially included China, Russia, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Tajikistan, and Uzbekistan. It was later joined by India and Pakistan. Iran, Mongolia, Belarus, and Afghanistan are observer states.

[21]   Apart from Russia, Armenia, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Belarus and Tajikistan also participate in the Collective Security Treaty Organization (CSTO). The participating countries are bound to assist in the defense of whichever of these countries is under foreign military attack. For this reason, they have set up “rapid reaction forces”.

[22]   In addition to Russia, Armenia, Kazakhstan, Kyrgyzstan and Belarus also participate in the Eurasian Economic Union (EEU), while Moldova and Uzbekistan are observer states. It seeks to regulate a number of customs cooperation issues on the basis of the 4 “freedoms” (goods, services, capital, labor).

[23]   APEC – Australia, Brunei, Canada, Chile, China, Hong Kong, Indonesia, Japan, South Korea, Malaysia, Mexico, New Zealand, Papua New Guinea, Peru, Philippines, Russia, Singapore, Taiwan, Thailand, USA and Vietnam.

[24]   ASEAN – Vietnam, Indonesia, Cambodia, Laos, Malaysia, Brunei, Myanmar, Singapore, Thailand, Philippines.

[25]   Such as MERCOSUR, UNASUR, PROSUR, CELAC, PETROCARIBE, CARICOM, ALBA, OAS.

[26]   Today, Cuba, Venezuela, Nicaragua, and some smaller Caribbean island states are still participating in ALBA, while Honduras, Ecuador and Bolivia withdrew in 2010, 2018 and 2018 respectively.

[27]   Organization of American States (OAS): Transnational union founded in 1948, after WW II, led by the United States from the beginning. During the Cold War, it played the role of a transnational anti-communist cooperation against the CPs and the workers’-people’s movements, especially in Latin America. Using the pretext of human rights violations, it is currently leading the sanctions and measures against Cuba and Venezuela, without ruling out military intervention. Today it consists of 35 member states, i.e. almost all the states of the continent, except Cuba, Venezuela and some Caribbean island states.

[28]   United States-Mexico-Canada Agreement (USMCA). Donald Trump had threatened that the US would withdraw from NAFTA if radical changes were not made. In a tweet, however, he welcomed “the new fantastic trade deal” between the United States, Canada and Mexico.

[29]   The Treaty on Open Skies provided for the possibility of air surveillance and recording of the “enemy” ground installations and military forces. It was being prepared for years by the United States, which, since the 1950s, has been calling on the USSR to accept a similar agreement. For its part, the USSR described the proposal as “legal espionage”and refused to consent. The Treaty was signed after the overthrow of socialism in 1992, and took 9 years to be ratified by the Russian Parliament. 34 countries participate in it.

[30]   See article by Marina Lavranou: “International Law of the Sea tailored to intra-imperialist contradictions”, Kommounistiki Epitheorisi 4-5 / 2020

[31]   https://www.sipri.org/media/press-release/2020/global-military-expenditure-sees-largest-annual-increase-decade-says-sipri-reaching-1917-billion

[32]   http://redstar.ru/yadernyj-shhit-vysochajshej-nadyozhnosti/?attempt=1

[33]   Source: GLOBAL FIREPOWER – https://www.globalfirepower.com/countries-listing.asp

[34]   State in West Africa in which a civil war is taking place with the participation of French military forces and from which, France imports uranium for its nuclear power stations

[35]    Program of the KKE, 19th Congress of the KKE, 2013, http://inter.kke.gr/en/articles/Programme-of-the-KKE/

Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

usa

Vogliamo davvero accontentarci di ripetere l’ovvio?

di Paolo Spena Rischiamo davvero di restare indietro, cari compagni. Gli avvenimenti negli USA ce …