Home / Lavoro / In centinaia contro lo sgombero dell’ex-GKN
gkn-prima

In centinaia contro lo sgombero dell’ex-GKN

Risposta forte per i recenti attacchi ai lavoratori della ex-GKN e al Collettivo di Fabbrica. Da stamattina centinaia di lavoratori e lavoratrici, realtà politiche, sociali e sindacali solidali si sono ritrovate in presidio davanti ai cancelli dello stabilimento metalmeccanico di Campi Bisenzio. Nella giornata di venerdì, infatti, la direzione di QF -impresa di Francesco Borgomeo, che nel dicembre scorso ha rilevato lo stabilimento- ha inviato una lettera alle RSU per annunciare l’inizio dei lavori di “sistemazione e smobilizzo” dei materiali interni alla fabbrica.

Da mesi è in atto un’escalation di tensione crescente tra la nuova dirigenza e il collettivo di fabbrica, che sembra aver raggiunto il suo apice negli ultimi giorni, con quello che il Collettivo ha definito essere “l’attacco più duro e frontale che questo presidio ha subito dal 9 luglio 2021” data di inizio dell’occupazione permanente della fabbrica da parte dei lavoratori contro le volontà di delocalizzazione. Da tempo si susseguono dichiarazioni da parte della nuova dirigenza aziendale che intimano lo sgombero dei locali e dei macchinari per permettere la “reindustrializzazione” dello stabilimento, ma dopo aver disatteso l’accordo quadro e in assenza di un serio piano aziendale, la volontà che appare più chiara -a detta delle RSU- è quella di svuotare definitivamente il sito e riuscire ora, con l’appoggio di Confindustria e delle istituzioni al nuovo piano industriale con padroni italiani, in quello che non riuscì al fondo finanziario Melrose, ex proprietari britannici della fabbrica: smantellare le linee produttive e attuare la delocalizzazione.

Sembra che si stia entrando in una nuova fase per la vertenza degli operai della ex-GKN, in cui emerge evidente la volontà di innalzare il livello dello scontro da parte della dirigenza aziendale che, forte del supporto del nuovo Governo al “Made in Italy”, avanza provocazioni per mettere alla prova la tenuta del presidio; si parla di “fabbrica occupata illegalmente” e si millantano lettere di sostegno pervenute alla dirigenza QF da parte di lavoratori “non più disposti ad accettare l’illegalità diffusa e l’occupazione abusiva”. Tentativi subdoli di minare dall’interno la resistenza degli operai che da 16 mesi sono in occupazione continua dello stabilimento e dividere la lotta dei lavoratori.

E di fatto l’arrivo dei camion per prelevare il materiale previsto per le 8.00 di stamattina è stato disatteso. Viene quasi spontaneo pensare che la volontà sia stata quella di mettere alla prova e testare le capacità di risposta all’ennesimo attacco, o -più semplicemente- che la risposta pronta ed organizzata di lavoratori, studenti e varie realtà solidali, ancora una volta sia stata sufficiente a far cambiare i piani ai padroni. Un segnale importante è venuto dalle sigle del sindacalismo di base; USB COBAS SI COBAS e CUB hanno infatti indetto una giornata di sciopero su Firenze per poter permettere la maggior confluenza possibile di lavoratori davanti ai cancelli della fabbrica.

Tra le tante realtà e organizzazioni politiche intervenute al presidio stamattina, anche il Fronte della Gioventù Comunista, che da un anno e mezzo sostiene la lotta dei lavoratori GKN, al fianco del Collettivo di Fabbrica. “Come abbiamo sempre detto da quel 9 luglio, qui alla GKN non si combatte solo la lotta dei lavoratori GKN ma si combatte la lotta di tutta la classe lavoratrice contro i licenziamenti, la precarietà, lo sfruttamento e la disoccupazione” -sostiene Gabriele Giacomelli, membro della segreteria nazionale del FGC- “I comunisti sanno da che parte stare ed è al fianco dei lavoratori e delle lavoratrici. Siamo pronti per dare battaglia con voi dalle scuole alle università, perché la solidarietà è un’arma e solo attraverso la lotta unitaria di studenti, lavoratori, precari e disoccupati riusciremo a costruire una reale opposizione di classe agli attacchi padronali.

Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

18 novembre - striscione

“NO GOVERNO MELONI, NO SCUOLA DEI PADRONI”. È iniziato il 18 novembre degli studenti.

È iniziato il 18 novembre degli studenti. Cortei sono stati organizzati in più di 20 …