Home / Cultura e sport (page 7)

Cultura e sport

La prima alla Scala, ovvero una metafora della nostra società.

C_4_articolo_2083450_upiImagepp

di Michele Romano. La prima del Teatro alla Scala è il momento in cui va in scena il divario sociale presente nel nostro paese. Una rappresentazione plastica della divisione di classe, che sembra uscire dalle scene di un film. Uomini della finanza nazionale ed internazionale, imprenditori, politici con le loro donne imbellettate che fanno sfoggio di gioielli vistosi e abiti che costano quanto lo stipendio annuale di un precario.  Uomini e donne dello spettacolo, giornalisti di punta delle redazioni, tutti in smoking e scarpe lucide, mentre fuori il mondo reale protesta e alza la voce. Le immagini di ieri sembravano …

Read More »

Un rivoluzionario in divisa di attore

volontè 2

Qualche anno fa andai in visita a Cuba come membro della delegazione del Partito Comunista. In uno dei pomeriggi che avevamo liberi feci un giro per L’Avana da solo e conobbi un gruppo di ragazze e ragazzi cubani per strada. Con la consueta curiosità che appartiene a quel popolo e specialmente ai giovani iniziarono a parlare e a chiedermi notizie. Ci scambiammo informazioni, impressioni su Cuba, sul mondo occidentale. Gli parlai anche di me e quando seppero che ero un giovane comunista mi invitarono a bere qualcosa. Andammo in un bar, ne scelsero uno dove si pagava in moneta locale, …

Read More »

Serbia-Albania, qual è la posta in palio?

Hu_141014_Deportes_UEFA_Dron_Interrumpe_Albania_Serbia

* di Emiliano Cervi «Sei stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti e un solo Tito» Questo detto popolare rende decisamente bene la portata storica e politica della nascita di una nazione, la Yugoslavia, che riunì finalmente in un unico Stato, socialista (e non poteva essere altrimenti) tutte le popolazioni slave del sud liberandole dall’oppressione nazifascista e risolvendo un atavico conflitto nella penisola balcanica. Poi gli eventi hanno preso una strada impervia, la rottura politica tra Tito e Stalin e il conseguente allontanamento del paese dal blocco socialista, i rapporti via via più stretti con gli USA e …

Read More »

Il ciclismo che ancora ci emoziona

images.duckduckgo.com

* di Emiliano Cervi Il ciclismo è uno sport dal sapore antico, eroico e soprattutto popolare. Perchè ognuno di noi può immedesimarsi nel grande corridore che preferisce (dipende dall’età ovviamente), inforcare una bicicletta, chinarsi sui pedali e sentire il vento in faccia mentre il cavallo a due ruote macina chilometri su chilometri per le strade della città, così come della campagna o, per i  più arditi, della montagna.  Il ciclismo è uno sport popolare perché per praticarlo non necessariamente si devono spendere fortune in attrezzature tecniche ( poi a seconda dei gusti e soprattutto delle tasche si possono comprare biciclette, …

Read More »

A cosa serve un Oscar quando si ha l’affetto di un popolo?

massimo troisi

Venti anni fa moriva Massimo Troisi, appena poche ore dopo aver finito di girare le ultime scende del film “Il Postino”. Troisi era malato di cuore, da tempo. Sapeva di dover subire una nuova operazione, ma decise di non rimandare la realizzazione di un film a cui teneva particolarmente.  Girò con fatica, spesso utilizzando una controfigura e chiunque ricordi il viso giovane di Troisi in “Ricomincio da tre”, “Non ci resta che piangere”, o negli sketch  televisivi sente inevitabilmente una stretta alla gola nel vedere quel volto affaticato. “Il postino” era un film voluto da tempo, per il qual Troisi …

Read More »

Socrates e la Democracia Corinthiana,storia di una meravigliosa follia

8247559680_99f070dd42_m

* di Emiliano Caliendo Questa è la storia di una banda di folli. La follia centra con questa vicenda perchè c’è di mezzo il calcio,sport con una gerarchia e un’organizzazione ben definite,ormai da anni dedito all’efficienza assoluta del risultato a tutti costi. Siamo all’inizio degli anni 80. In Brasile vi è una dittatura militare del Generale,ovviamente filo-USA,Figuereido  che inizia a concedere le prime timidissime riforme in campo costituzionale e istituzionale. I campionati di calcio brasiliani,proseguono come prosegue il calcio in tutto il mondo,con la passione,le vittorie e le sconfitte ma anche con l’avvicinarsi sempre più ad un modello di calcio …

Read More »

Ultras: lo Stato usa il DASPO per coprire i propri misfatti

speziale-libero-300x200

* di Emiliano Caliendo e Edoardo Genovese Ormai è da giorni che il principale argomento dell’opinione pubblica e dei mass media italiani riguarda ciò che è accaduto a Roma in occasione della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina. Tutto inizia con una sparatoria. Per la prima volta all’interno di dinamiche che riguardano lo scontro tra ultras si è arrivati all’uso d’arma da fuoco. Fatto di una gravità assoluta che potrebbe costituire un pericolosissimo precedente. Intorno alle ore 19.00 gruppi di tifosi napoletani si avviano dal viale Tor di Quinto verso lo stadio Olimpico scortati stranamente da poche decine …

Read More »

Il romanzo dei suoi ricordi

marquez castro

* di Fidel Castro, riportato sul Granma in occasione della morte di Gabriel Garcia Marquez, traduzione a cura di Lorenzo Di Reda Gabo ed io eravamo a Bogotà il triste giorno, il 9 Aprile 1948, quando uccisero Gaitàn. Avevamo la stessa età, 21 anni;  fummo testimoni degli stessi eventi, studiavamo entrambi Legge. Questo almeno era quello che credevamo entrambi.  Nessuno aveva notizie dell’altro, non ci conosceva nessuno, nemmeno noi stessi.  Quasi mezzo secolo dopo, Gabo e io parlavamo alla vigilia di un viaggio a Biràn, il luogo a Est di Cuba dove nacqui la mattina del 13 Agosto 1926. L’incontro …

Read More »

Hunger. L’idea che non può morire.

hunger-sarc3a0-distribuito-in-italia-dopo-4-anni

di Giulia Paltrinieri Irlanda del Nord, 1981, nel bel mezzo dei tumulti per il riconoscimento dell’indipendenza dallo stato britannico. Il Primo Ministro Margaret Thatcher ha abolito lo statuto speciale di prigioniero politico e considera ogni carcerato paramilitare della resistenza irlandese alla stregua di un criminale comune. L’occhio del regista Steve Mc Queen con Hunger entra proprio lì, nei corridoi del carcere di Maze a Long Kesh, dove i detenuti appartenenti all’IRA (Irish Republican Army) danno il via ad una serie di proteste per cercare di riottenere lo status di prigionieri politici che il governo aveva negato, e non essere così …

Read More »

I videogiochi: nuova frontiera della propaganda anticomunista.

129219254_3ddcafd136

da tintaroja.es (traduzione a cura della redazione di Senza Tregua) Siamo cresciuti con un cinema totalmente dominato da Hollywood, utilizzato come propaganda per le nuove generazioni. Non ci sorprendono i film americani che banalizzano e normalizzano l’intervento e la violenza imperialista al servizio del grande capitale. Tuttavia, stiamo assistendo a un aumento della propaganda ideologica nei videogiochi, sempre più anticomunisti e filo imperialisti. Possiamo iniziare con la saga di Tropico che fa una caricatura (presumibilmente umoristica) di Cuba, nella quale un onnipotente “Presidente” manipola a suo piacimento la corrotta e militarizzata isola. Il giocatore deve soddisfare costantemente i desideri della …

Read More »