Home / Idee e lotta / Pillole di storia / «La giustizia del popolo eseguì la sentenza». Sull’esecuzione di Giovanni Gentile da parte dei GAP

«La giustizia del popolo eseguì la sentenza». Sull’esecuzione di Giovanni Gentile da parte dei GAP

Il 15 aprile del 1944 i partigiani gappisti di Firenze giustiziavano Giovanni Gentile, ideologo del fascismo italiano. Una vicenda che storicamente ha generato discussioni anche in ambienti antifascisti. Proponiamo a tal proposito un estratto dalla Storia della Resistenza scritta da Pietro Secchia e Filippo Frassati.
«La giustizia partigiana colpiva così i membri di quei “tribunali assassini” la cui funzione Giovanni Gentile, il filosofo esaltatore della violenza, aveva tentato di giustificare come mezzo idoneo a riportare, legittimando le rappresaglie indiscriminate, ed in tal modo intimorendo i ribelli, la concordia nel paese.
[…]
La giustizia del popolo eseguì la sentenza anche contro il vecchio corruttore che della sua intelligenza e della sua cultura s’era servito per guastare le coscienze di generazioni di giovani e che ancora si prestava a giustificare l’ultimo e più ignobile fascismo cercando di coprirne l’abiezione con gli stessi argomenti che venti anni addietro aveva usato per esaltare come “forza morale” anche il ricorso al manganello.
Il 15 aprile i gappisti fiorentini giustiziarono Giovanni Gentile. L’esecuzione della condanna fu accolta con animo costernato anche da taluni antifascisti, ed in seno al CLN toscano la maggioranza si abbandonò a malinconiche recriminazioni per la morte del filosofo che, in nome di un’etica superiore, avrebbe dovuto essere risparmiato poiché “nei primi decenni del secolo aveva incarnato il miglior pensiero filosofico italiano”.
[…]

In altri termini: nulla da obiettare quando la giustizia partigiana colpiva uno sciagurato sbirro, anonimo e forse anche sprovveduto al punto da non avere piena coscienza della criminalità del suo agire: ma guai a toccare una personalità della cultura, un uomo dal nome prestigioso. Sulle montagne e nelle città, in quella primavera del 1944, cadevano a migliaia gli operai e i contadini, e della loro morte era assai più responsabile Giovanni Gentile che non il milite o il “marò” che aveva sparato contro di loro. L’aveva ben compreso Concetto Marchesi, ed era stato proprio lui, un uomo che ben degnamente rappresentava la vera cultura italiana, a chiedere conto a Gentile del suo operato “in forma più alta e solenne” di quanto avrebbe potuto fare qualsiasi tribunale (l’esperienza del dopoguerra insegna); ed era stato lui, Concetto Marchesi, a pronunciare solennemente la sentenza di morte eseguita dai gappisti fiorentini».

(Pietro Secchia e Filippo Frassati, Storia della Resistenza. Ed. Riuniti Roma 1965. Vol.2, pp. 575-576)

In foto, Giovanni Gentile con Benito Mussolini.
Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

fossa-comune-ucraina

E se le fosse comuni in Ucraina fossero opera dei nazisti?

di Andrea Ferrannini Le autorità ucraine hanno annunciato il ritrovamento, avvenuto lo scorso 20 agosto …