Home / Cultura, intrattenimento, sport / Un “non mito” non può cadere

Un “non mito” non può cadere

di Emiliano Cervi

In questi giorni è scoppiata una polemica musicale molto particolare.
Fanno discutere a proposito le dichiarazioni di Giovanni Lindo Ferretti, ex cantante dei CCCP e CSI, un passato tra punk, new wave e svariate tipologie di sostanze, che alla festa di Fratelli d’Italia (insomma, siamo già all’avanspettacolo) ha dichiarato: «La Meloni è uno dei pochi politici che apprezzo, la vedrei leader, mentre Salvini ha dei pregi, ma anche dei difetti».
Fin qui nulla di nuovo nella parabola umana e politica di un cantante che da anni ha espresso chiaramente cosa pensi riguardo aborto, religione, spiritualità etc etc: semmai sarebbe lecito chiedersi dove fossero i suoi colleghi e fans, che oggi strepitano come amanti traditi.
“Non sono mai stato ateo e ho sempre avuto una visione carnale della dimensione della Creazione”, raccontava nel 2010 all’’Osservatore Romano’ (il giornale del Vaticano), e continuava tra lodi sacre e autopenitenze pubbliche in crescendo: «l’aborto è un crimine incredibile che si commette con una leggerezza credibilissima [..] l’uccisione dell’innocente assoluto in un diritto festoso sostenuto da cortei, balletti, striscioni e impone, nei fatti, non solo la desacralizzazione della vita ma la riduzione dell’uomo a materiale organico atto allo scarto o alla sperimentazione». Dichiarazioni ben più gravi e paranoiche, rispetto a quelle di qualche giorno fa che, oltre all’apprezzamento pubblico per la Meloni ( una bella coppia senza dubbio! ), non sembrano nemmeno così assurde: «uno Stato che non protegge i confini e non pensa ai suoi compatrioti non è uno Stato, mi fanno molta impressione le persone che mettono i propri cari all’ospizio per dedicarsi ai poveri del terzo mondo».
Verrebbe da chiedersi, malignamente, se coloro che oggi si stracciano le vesti e rinnegano l’amico, il collega, il guru si siano sentiti più colpiti da questa uscita che dai numerosi deliri precedenti.
Chi scrive ha amato e ama tutt’ora i CCCP, la loro ruvidezza, le loro scelte melodiche e l’iconografia che ha caratterizzato il gruppo dal suo esordio fino allo scioglimento, senza mai fare il passo successivo verso i CSI di cui è comunque indubbio il valore artistico.
Ma i CCCP (e non solo Giovanni Lindo Ferretti) sono stati un fenomeno artistico da contestualizzare, da apprezzare per quello che hanno prodotto e purtroppo, forse, anche recitato: non ci sono mezze misure, o si odiano o si amano. Quello che hanno fatto è Storia della musica italiana, del nostro paese, non ci sono dichiarazioni a distanza di 20 anni che possano cancellarla.

“Lasciami qui, lasciami stare, lasciami così…”

Il problema vero è che per anni sono stati considerati molti cantanti “di sinistra”e gruppi musicali come appunto i CCCP, dei punti di riferimento, degli artisti organici alla classe lavoratrice, dei compagni che svolgevano la loro militanza, la lotta per il socialismo, attraverso la musica. In realtà non è corretto dire per anni, dal momento che ancora oggi larghissima parte dell’opinione pubblica è convinta che cantautori come De Gregori (che diede pubblico sostegno a Monti e il suo governo qualche anno fa), Lucio Dalla (che confessò di aver sempre suonato alle feste dell’Unità senza mai essere stato di sinistra) Guccini e tanti altri siano ancora di sinistra: scorie di questa società atomizzata e individualista, orfana di prospettiva e appartenenza, il cui degrado politico, sociale e morale diventa soffocante .

“storpie atmosfere terse e sterili bazaar, taxisti nomadi cammellieri, autisti,
ascoltano la radio e sanno che tempo fa”

In questa caduta di “giganti” che hanno presto o tardi, a seconda della convenienza, rinnegato questa appartenenza, rientra anche il nostro in questione ed esattamente come successo per gli altri, la dura realtà ha portato in molti a non fare i conti con quest’ultima.
A credere che nulla fosse cambiato. Allora forse ben vengano queste dichiarazioni, ben venga la delusione di tanti: che serva a tutti noi da lezione. L’artista del popolo non sarà un’altro Fatur.
E mentre ascolto uno dei pezzi più intensi e che amo particolarmente, “And the Radio plays”, le parole assumono ancora una volta, una nuova forma e sostanza.
Che è l’essenza della grandezza dei CCCP.

“ti guardo e non ti vedo
ti ascolto e non ti sento
non chiedermi di crederti
…non lo farò”

Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

banner campeggio

Si chiude con un successo la III edizione di “Guerrilla”

Si è conclusa da qualche giorno a Roccella Jonica la terza edizione di “Guerrilla”, il …