Home / Scuola e università / Altri 115 milioni alle scuole paritarie, ma non sono soddisfatte: “vogliamo più soldi”
artprivate

Altri 115 milioni alle scuole paritarie, ma non sono soddisfatte: “vogliamo più soldi”

Nell’agenda del Governo c’è una voce di spesa che non scompare mai: è il finanziamento statale alle scuole paritarie, per le quali la Legge di Bilancio stanzia 115 milioni nel 2017, destinati ad aumentare nei prossimi due anni. A ciò si aggiungono consistenti detrazioni fiscali, che aumentano fino a quota 750 euro pro capite.

Cascasse il mondo, infatti, i finanziamenti pubblici alle scuole non statali non possono mancare: uno scandalo che ogni anno fa discutere, suscitando profonda indignazione. Di ben altro avviso è però il Governo Renzi, che prontamente (e senza alcun pudore) tenta di giustificare la scelta di aumentare queste elargizioni; “abbattere muri ideologici”, garantendo la “libertà di scelta” delle famiglie, queste sono le motivazioni. Ma di quale libertà stiamo parlando? Sarebbe il caso di domandarlo al 16% degli studenti che nel nostro paese non concludono il percorso di studi, alle famiglie delle classi popolari obbligate ad una vera e propria corsa a ostacoli per far studiare i figli…

Il colmo sono le scuole private che si dicono poco soddisfatte dell’omaggio da parte dello Stato, chiedendo addirittura finanziamenti maggiori. La direzione – ci tengono a precisarlo – è quella giusta, ma servono più fondi, ancora non basta!

I finanziamenti statali alle scuole private sono uno schiaffo alle famiglie costrette a sborsare migliaia di euro ogni anno per permettere ai figli di studiare in una scuola pubblica. Un vero e proprio insulto ad una scuola pubblica in ginocchio dopo anni di tagli scellerati.

È inutile che il Governo sprechi fiato cercando di giustificarsi, rifugiandosi dietro slogan vuoti di significato: “abbattere muri ideologici” significa non provare rimorsi mentre si stravolgono sistematicamente i diritti dei lavoratori e le misure sociali. “Tutelare la libertà di scelta” per il governo significa fare sconti a chi può permettersi di pagare rette da decine di migliaia di euro l’anno per iscrivere i figli in una scuola privata.
Nessuno dica che finanziare le scuole private è ormai una prassi consolidata. La responsabilità di questa vergogna ricade nelle stesse mani di chi da anni impone una sistematica dequalificazione dell’istruzione pubblica, sempre più costosa e asservita alle logiche perverse di questo sistema.

Commenti Facebook

About Redazione Senza Tregua

Giornale ufficiale del Fronte della Gioventù Comunista

Check Also

Studenti in agitazione in tutta Italia. «In piazza il 29 gennaio»

In 8 regioni italiane le scuole superiori hanno riaperto in seguito alle forti pressioni del …