Home / Redazione ST (page 4)

Redazione ST

Il disagio occupazionale colpisce un quinto dei lavoratori in Italia

Il disagio occupazionale colpisce un quinto dei lavoratori in Italia

*di Lorenzo Vagni L’aumento del tasso di disagio occupazionale è dovuto alla progressiva precarizzazione del lavoro, attuata in Italia dai governi di centro-destra e centro-sinistra su chiaro indirizzo delle grandi imprese, che da tale precarizzazione hanno potuto aumentare i propri profitti a spese dei lavoratori, e dell’Unione Europea, che delle grandi imprese è una diretta emanazione. Negli ultimi anni infatti si è assistito ad una concentrazione della ricchezza sempre maggiore, con meno del 10 % della popolazione che possiede l’86 % della ricchezza globale e ad un consistente aumento del numero di milionari. La crisi economica è stata infatti riversata completamente sulle classi popolari, mentre allo stesso tempo …

Read More »
L’UE del massacro sociale si rafforza sul piano militare

L’UE del massacro sociale si rafforza sul piano militare: varata la PeSCo

*di Lorenzo Vagni Lo scorso lunedì (13 novembre) a Bruxelles è stata ratificata la decisione dei ministri degli Esteri e della Difesa di 23 paesi membri dell’Unione Europea di aderire all’accordo denominato Cooperazione Strutturata Permanente nella Difesa (PeSCo). Nonostante sia stato giustificato con il tentativo di ottimizzare i costi e di ridurre le spese militari, l’accordo prevede la collaborazione degli stati partecipanti negli investimenti riguardanti il settore militare, nello sviluppo di nuove capacità belliche e nella partecipazione congiunta ad operazioni militari, anche se i progetti che saranno promossi dalla PeSCo non sono ancora stati definiti nel dettaglio. L’accordo entrerà in vigore a seguito dell’approvazione da parte del Consiglio …

Read More »
Si avvicina il centenario e la borghesia russa si scaglia contro la Rivoluzione Sovietica

Si avvicina il centenario e la borghesia russa si scaglia contro la Rivoluzione Sovietica

*di Lorenzo Vagni Sono i giorni della celebrazione del centenario della Grande Rivoluzione Socialista d’Ottobre e cresce giustamente il disturbo della borghesia russa che dimostra tutta la sua paura di fronte al pericolo che quell’evento tanto epocale quanto attuale possa nuovamente avvenire mettendo fine ai suoi privilegi e barbarie. Il governo borghese russo ha vietato ogni celebrazione ufficiale: «non c’è nulla da festeggiare» ha tagliato corto il portavoce del Cremlino commentando l’assenza di un programma commemorativo “ufficiale”. Ma non poteva esser altrimenti: Non è la loro Rivoluzione! La Rivoluzione d’Ottobre è la festa degli sfruttati e oppressi di tutto il …

Read More »
Polonia: Follia anticomunista, abbattuto mausoleo sovietico

Polonia: Follia anticomunista, abbattuto mausoleo sovietico

di Lorenzo Vagni Prosegue la follia anticomunista nell’Europa dell’Est. Lo scorso venerdì (8 settembre) è stato infatti demolito nella città di Trzcianka un mausoleo dedicato ai soldati sovietici caduti durante la Seconda Guerra Mondiale. Il monumento era stato eretto tra il 24 aprile e il 15 agosto 1945 per commemorare i soldati dell’Armata Rossa morti durante la liberazione della città, e si trovava presso il luogo di sepoltura dei corpi di 56 soldati. Su di esso spiccava l’iscrizione: “Gloria eterna agli eroi, caduti in battaglia contro gli invasori tedeschi per la libertà e l’indipendenza della nostra patria!“. La demolizione del mausoleo, più …

Read More »
Numeri da guerra: più di 600 morti sul lavoro da inizio anno. Non sono incidenti ma omicidi

Numeri da guerra: più di 600 morti sul lavoro da inizio anno. Non sono incidenti ma omicidi

di Lorenzo Vagni Negli ultimi giorni sono state numerose le notizie di morti sul lavoro in Italia. Ieri (6 settembre) a Settimo Milanese a perdere la vita è stato un operaio di 42 anni dipendente della Stuani, schiacciato dal braccio meccanico di un tornio. Martedì ha perso invece la vita l’operaio di 29 anni che il 2 settembre a Roccavione era rimasto schiacciato da una pressa in una cartiera. Solo il giorno prima (il 1° settembre) avevano perso la vita in una sola giornata ben 3 lavoratori: due lavoratori (di 54 e 61 anni) a Lucca, precipitando da una gru …

Read More »
Nuova missione militare dell’imperialismo italiano in Libia

Nuova missione militare dell’imperialismo italiano in Libia

di Lorenzo Vagni In questi giorni sta andando in scena per l’ennesima volta negli ultimi anni la contesa della Libia da parte degli imperialismi europei. In particolare sono molto attivi su questo fronte i governi di Italia e Francia, che cercano di ottenere una posizione di vantaggio per le proprie imprese nel paese nordafricano. Mappa aggiornata al 29 Giugno 2017  Attualmente la Libia è nel pieno della sua seconda guerra civile, in cui il governo presieduto da Fayez al-Sarraj, riconosciuto dall’ONU, controlla Tripoli e i territori circostanti, mentre il generale Khalifa Haftar, insediato a Tobruch, controlla con le proprie truppe la gran …

Read More »
È operativa la base militare cinese a Gibuti

È operativa la base militare cinese a Gibuti

* di Lorenzo Vagni Anche la Cina avrà una base militare in Africa, verso la quale l’11 luglio delle navi militari partite dal porto di Zhanjiang sono dirette. Questa notizia rappresenta un nuovo passo avanti per l’influenza cinese nel mondo e in Africa in particolare, in quanto mai in tempi recenti lo stato asiatico aveva avuto basi militari al di fuori dei propri confini (l’ultima base stabile cinese all’estero si trovava in Corea del Nord e fu dismessa nel 1958). La base sorgerà nella Repubblica di Gibuti, ed in particolare nella città portuale di Obock, sul golfo di Tagiura, a …

Read More »
Nuovo accordo internazionale tra capitalisti: ecco il JEFTA

Nuovo accordo internazionale tra capitalisti: ecco il JEFTA

di Lorenzo Vagni Nella giornata di mercoledì 5 luglio è stato raggiunto a Bruxelles un accordo di massima tra il Giappone e l’Unione Europea riguardo il cosiddetto JEFTA (Japan-EU Free Trade Agreement) o anche EU-Japan EPA (EU-Japan Economic Partnership Agreement), trattato che prevede tra l’altro un accordo di libero scambio tra le due aree. A rendere noto l’avanzamento nelle trattative è stata nella giornata di mercoledì Cecilia Malmström, commissario europeo per il commercio, al termine di un colloquio con Fumio Kishida, ministro degli Esteri nipponico, le cui dichiarazioni sono state confermate il giorno successivo in una conferenza stampa congiunta tra Jean-Claude Juncker, presidente della …

Read More »
Giornata della Russia: festa nazionale o festa anticomunista?

Giornata della Russia: festa nazionale o festa anticomunista?

di Lorenzo Vagni Il 12 giugno è nella Federazione Russa un giorno di festa nazionale, denominato Giornata della Russia (Den’ Rossii), a volte chiamato impropriamente Giorno dell’Indipendenza (Den’ nezavisimosti). In questa data vengono effettuati annualmente festeggiamenti, concerti, spettacoli pirotecnici, parate militari, rievocazioni storiche, celebrazioni religiose, e vengono consegnati premi e riconoscimenti a personaggi che si siano distinti nei vari campi delle arti, della scienza e dello sport. Verrebbe da chiedersi a quale particolare ricorrenza si riferisca una festa nazionale di così grande importanza. La Giornata della Russia commemora la data del 12 giugno 1990, giorno in cui il Congresso dei Deputati del Popolo della …

Read More »
Laura Boldrini incontra il fascista ucraino Parubij

Laura Boldrini incontra il fascista ucraino Parubij

*di Lorenzo Vagni Lunedì 5 giugno, si è tenuto a Montecitorio un incontro tra il presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, e il presidente del Consiglio Supremo dell’Ucraina (Verchovna Rada Ukraïny), il parlamento ucraino, Andrij Parubij[1]. Parubij è stato nel 1991 uno dei due fondatori, insieme a Oleh Tjahnybok, del Partito Social-Nazionale di Ucraina, partito fascista e di estrema destra che si ispirava all’Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini, movimento che durante la Seconda Guerra Mondiale collaborò con gli occupanti nazisti in funzione anticomunista, che ha assunto nel 2004 il nome di Unione Pan-Ucraina “Libertà” (Svoboda). Dal 1998 al 2004 è stato perfino …

Read More »